Fiat 124 Spider

Bella guida, stile e prestazioni, male la praticità

90
Fiat 124 Spider, prova su strada
  • N.D.
  • 28.000 - 34.900 €
  • 6,4 - 6,6 L/100KM
  • 2
  • 140 L
Ritorna un mito degli anni 60: la nuova Fiat 124 Spider sarebbe dovuta nascere come erede dell’Alfa Romeo Duetto, invece a sorpresa c’è stato un cambio di programma e nel 2016 è uscita questa vettura. Del modello originale d’epoca la Fiat 124 Spider riprende l’impostazione meccanica, con motore anteriore e trazione posteriore, ma con due posti secchi, adatti a chi è alto un metro e 90 cm. Ed è proprio negli interni che la Fiat 124 Spider tradisce le proprie origini, dato che la spider italiana è una joint venture con la casa giapponese Mazda. Con la “gemella” (diversa) Mazda MX-5 condivide il pianale, le sospensioni, ma non il motore: quello dell’italiana è il noto 1.4 MultiAir Turbo a quattro cilindri con 140 cv, modificato per essere alloggiato in posizione longitudinale. Come detto, gli interni sono sostanzialmente identici a quelli della MX-5, con una maggior attenzione alla qualità percepita e le utili maniglie nelle portiere. Gli esterni della Fiat 124 Spider, invece, appaiono più muscolosi di quelli della Mazda, complice anche una maggior lunghezza della vettura. Le dimensioni ci danno una spider di 4,08 metri di lunghezza, rimane comunque compatta ma soprattutto leggera, visto che pesa poco più di una tonnellata. Macchina bella, carina da guidare, con prezzi anche non elevati. Certo, rimane una vettura con un pubblico di nicchia.

Versione consigliata

Nella scheda tecnica di Fiat 124 Spider vediamo un motore unico, non rimane che scegliere fra il preciso cambio manuale oppure il più comodo automatico sequenziale, entrambi a sei rapporti. Fra i due il manuale è più adatto allo spirito “instant classic” della Fiat 124 Spider. L’allestimento “base” solo per chi bada alla guida, che comprende radio, clima, cruise control e cerchi in lega da 16”. Mentre l’allestimento “Lusso” è più completo e rende la vettura più elegante: aggiunge fendinebbia, fari full led, clima automatico, cerchi da 17”, rollbar argentati e interni in pelle, ma non il navigatore che è un optional. Fra i colori, l’unico in omaggio è il bianco pastello.

PRO

  • Linea: interpreta bene i tratti fondamentali della 124 Spider originale
  • Prestazioni: difficile fare di meglio con “soli” 140 cv, l’auto è brillante
  • Capote: il tetto in tela ha un facile e veloce il meccanismo di apertura

CONTRO

  • Portaoggetti: okay non è una monovolume, ma qui sono davvero pochi
  • Consumi: nulla di esagerato, ma la grinta del motore si fa “pagare”
  • Regolazioni: manca quella in altezza del volante, grave in una sportiva.

SCHEDA TECNICA

I dati tecnici e le caratteristiche

MOTORI

Cambio manuale, automatico
Trazione posteriore
Coppia Massima 240/2.250 rpm

CONSUMI E EMISSIONI

Consumo urbano 9,1 - 8,5/100 km
Consumo extraurbano 5,2 - 5,1/100 km
Consumo medio 6,6 - 6,6/100 km

DIMENSIONI E MISURE

Tipo di carrozzeria Cabriolet
Lunghezza 4.054 mm
Passo 2.310 mm

PROVA SU STRADA

NEWS

MODELLI

Parole di Paride Lupo

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.