Mazda 3

Bellissimo design ed efficienza a tutto tondo

8
Mazda 3 restyling 2017
  • N.D.
  • 20400 - 27300 €
  • 7,7 L/100KM
  • 5
  • Da 364 a 1263 L
Mazda 3. Parlare di segmento C significa -in termini letterari- aprire la porta di un girone infernale: c’è un po’di tutto, per tutti i gusti e le tasche, e la concorrenza è a dir poco spietata. Se poi aggiungiamo che la leader di questa categoria è una certa Volkswagen Golf, si capisce come –per una Casa automobilistica- mettere in vendita una propria vettura in un simile settore, significhi gettarsi in un mare pieno di piranha. Mazda nel 2013 si è rimessa in gioco con la nuova generazione della sua Mazda 3, puntando prima di tutto a sedurre con il gioco delle linee: la filosofia del Kodo design ha il suo impatto applicata a questo specifico modello. Le linee, molto dinamiche e fluenti, sono ben raccordate sotto ogni angolazione, e complessivamente piacevoli. Il frontale è accattivante e deciso con la calandra pentagonale in alluminio (simbolo del Marchio) in piena vista, mentre si poteva fare di più nel posteriore: i riferimenti alla concorrente italiana Giulietta sono evidenti. Ma nel complesso il lavoro svolto sulla forma della Mazda 3 è sostanziale e di qualità, e ha aperto un nuovo dialogo stilistico che costituisce l’attuale family-feeling di tutta la gamma Mazda. All’interno la Mazda 3 è molto più grande di quanto appaia da fuori, anche più di molte vetture di categoria superiore. Il passo particolarmente lungo, infatti, avvantaggia specialmente gli occupanti posteriori che hanno tanto spazio per le gambe. Se è vero, però, che non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca, il bagagliaio è decisamente sottodimensionato in rapporto agli ingombri esterni: i 260 l circa obbligano a ripiegare i sedili posteriori anche per carichi non particolarmente grandi. La plancia è molto curata sotto il profilo qualitativo e anche estetico. I materiali sono quasi da vettura premium, buono l’assemblaggio; e la linea riprende (forse anche troppo) alcune concorrenti tedesche, con lo schermo che svetta su tutto il resto e l’impostazione che è orientata al guidatore. Non un problema, dato che all’atto pratico la plancia risulta molto comoda da vivere. Alla guida la Mazda 3 rivela le sue carte di auto non progettata per la performance come altre concorrenti di pari segmento, quanto piuttosto di confortevole passista per lunghi viaggi. Lo sterzo, infatti, non è dei più precisi, il rollio è presente e in generale l’assetto non invoglia a correre. Inoltre, sul motore di punta diesel che è un 2,2 l la coppia è talmente elevata in rapporto alle caratteristiche del mezzo da presentare delle reazioni al volante se si comincia a tirare. Largo, quindi, ad uno stile di guida sciolto e con un occhio ai consumi: il che non è affatto un male. Fra un paio d’anni è prevista l’arrivo della nuova; quella attuale sta quindi avviandosi al fine carriera. Ottima infine la dotazione: di serie su tutta la gamma Bluetooth, climatizzatore bizona e addirittura il cruise control. Le nostre opinioni, dopo essere stati al volante della vettura, sono molto positive. Non ci sono motori per neopatentati.

Versione consigliata

Sul fronte dei benzina, la Mazda 3 è proposta con un 1,5 l da 101 CV, e un’unità di 2l da 120 o in alternativa 165 CV: se non si bada ai consumi, questi ultimi due sono un’ottima scelta per chi pretende silenzio e al contempo buone prestazioni. All’atto pratico, però, i diesel sono la scelta più ragionata: rispetto al 2,2 l da 150 CV, dalla cubatura perfino eccessiva, il 1,5 l è un propulsore decisamente più al passo coi tempi e parco. Tuttavia con 105 CV non ha prestazioni fulminee. “Due e mezzo” sono gli allestimenti proposti (Evolve ed Exceed, con in mezzo la Evolve Plus, che attinge qualcosa dalla versione top), con un divario tra gli estremi degli allestimenti pari a 2500 euro. Già dell’allestimento “base” ci si può accontentare, ma il top, offrendo di serie navigatore satellitare da 7”, sedili anteriori riscaldabili, impianto audio BOSE, monitoraggio dell’area posteriore, accesso senza chiave e fari full LED, è più consigliabile, vista anche la tipologia di vettura. Inoltre, solo per questa versione è riservato come optional il sistema di assistenza alla guida i-Activesense technology, che include anche il radar anticollisione.

PRO

  • Linea: A 4 anni dal debutto, è ancora molto piacevole e moderna.
  • Abitacolo: Tanto spazio specialmente dietro, grazie a un passo molto lungo.
  • Dotazione: La versione Exceed offre già di serie qualsiasi optional desiderabile .

CONTRO

  • Scheda tecnica: I motori non sono all’avanguardia, tranne il 1,5 l diesel; peccato per i soli 105 CV.
  • Bagagliaio: Piccolo, specie se rapportato alle dimensioni esterne dell’auto.
  • Erede: La nuova Mazda 3 è già in pieno sviluppo: occasione buona per qualche saldo “fine serie”.

SCHEDA TECNICA

I dati tecnici e le caratteristiche

MOTORI

Cambio manuale, automatico
Trazione anteriore
Coppia Massima 150/4000 - 380/1800 rpm

CONSUMI E EMISSIONI

Consumo medio 3,8 - 3,8/100 km
Consumi reali 7,7 - 7,7/100 km

DIMENSIONI E MISURE

Tipo di carrozzeria Berlina
Lunghezza 4470 mm
Passo 270 mm

PROVA SU STRADA

NEWS

MODELLI

Parole di Jacopo Scaggiante

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.