Nissan Gt-R

L’ammazza-giganti del sol levante

13
Nissan GT-R 2017 dall'alto
  • N.D.
  • 101.900 - 184.950 €
  • 11,8 - 12,0 L/100KM
  • 2+2
  • 315 L

Nissan GT R schede hub

Chi pensa che Nissan sia in grado di costruire solo utilitarie e SUV,non ha mai sentito parlare della Nissan GT-R. Effettivamente la “supercar” giapponese non gode del medesimo blasone delle rivali, in primis quelle europee, ma riesce ad offrire tecnologia e prestazioni di livello assoluto a prezzi nettamente più competitivi. La vettura raccoglie l’importante eredità delle sportive “Skyline GT-R”, fuori produzione dall’ormai lontano 2002, mentre l’attuale Nissan GT-R (acronimo di Gran Turismo Racer), ha visto la luce nel 2007. Le dimensioni di Nissan GT-R sono importanti: la lunghezza si aggira intorno i 4,70 metri, ma viene dissimulata bene dalle sue linee “taglienti” che esprimono cattiveria da tutti i pori. Non parliamo poi della zona posteriore, con l’alettone fisso e quattro enormi terminali di scarico. Ma gli ingegneri Nissan non si sono seduti sugli allori: infatti nel corso degli anni si sono continuamente affinati design, motore, trasmissione e assetto, ma senza mai tradire il progetto originale. A spingere la Nissan GT-R ci pensa un 3.8 V6 biturbo che, dai 480 cv delle origini, è arrivato ai 570 cv della versione attuale, sempre abbinato al cambio doppia frizione a sei rapporti. La trazione è integrale, che in condizioni normali privilegia totalmente le ruote posteriori, ma a seconda delle situazioni può arrivare fino al 50% sulle ruote anteriori. Il risultato? Lo 0-100 viene coperto in meno di 3 secondi, nonostante il peso non propriamente contenuto, mentre la velocità massima supera agevolmente i 300 km/h. Gli interni sono omologati in configurazione 2+2, con i sedili anteriori comodi per tutte le taglie e quelli posteriori pressoché decorativi. La strumentazione è completa, con il sistema di infotainment che aggiunge altre numerose informazioni come la pressione di sovralimentazione ed il “g-meter”, che misura l’accelerazione gravitazionale.

Versione consigliata

Di serie per tutte gli allestimenti di Nissan GT-R ci sono sospensioni a controllo elettronico, sedili in pelle, fari full led, navigatore con retrocamera e cerchi in lega da 20”. La versione più adatta per chi non vuole rinunciare al lusso è la “Prestige“, mentre la “Track” aggiunge look e dotazioni più corsaiole. Per gli incontentabili poi c’è la “Nissan GT-R Nismo“, versione elaborata dal reparto motorsport della casa giapponese, con il motore ulteriormente potenziato a quota 600 cv, un assetto più adatto alla pista ed un’estetica ancor più aggressiva, caratterizzata dall’alettone maggiorato e dai numerosi dettagli (sia interni che esterni) in fibra di carbonio. Tuttavia la cifra da spendere diventa nettamente superiore alle versioni da 570 cv. Se avete in mente di acquistarne una, innanzitutto vi dovete recare un apposito concessionario. In Italia sono quattro: si trovano nelle città di Torino, Bergamo, Roma e San Lazzaro di Savena (Bologna).

PRO

  • Linea: tipicamente giapponese, si distingue nettamente dalle altre supercar
  • Guida: straordinariamente efficace, è coinvolgente ma senza offrire sensazioni artificiali
  • Prezzo: a parità di dotazioni e prestazioni la maggior parte delle rivali costa molto di più

CONTRO

  • Immagine: non si può contare sul “fascino del marchio”, spendendo certe cifre a molti importa
  • Sedili posteriori: vanno considerati d’emergenza, è impossibile farci stare due adulti
  • Peso: nonostante nel corso degli anni sia “dimagrita”, la GT-R non è di certo un fuscello

SCHEDA TECNICA

I dati tecnici e le caratteristiche

MOTORI

Cambio automatico
Trazione integrale
Coppia Massima 637/3.300 - 652/3.600 rpm

CONSUMI E EMISSIONI

Consumo urbano 17,0 - 17,0/100 km
Consumo extraurbano 8,8 - 9,0/100 km
Consumo medio 11,8 - 11,8 /100 km

DIMENSIONI E MISURE

Tipo di carrozzeria Coupe
Lunghezza 4.680 - 4.710 mm
Passo 2.780 mm

NEWS

MODELLI

Parole di Paride Lupo

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.