Opel Cascada

L’abbordabile cabrio da tutti i giorni

31
Opel Cascada al Salone di Ginevra 2013
  • N.D.
  • N.D.
  • 4.9 - 7.3 L/100KM
  • 4
  • Da 280 a 380 L
Nel 2013 Opel lancia sul mercato Opel Cascada, la cabriolet a 4 posti del marchio del fulmine, l’obiettivo è semplice: dare fastidio alle concorrenti con un’auto filante, adatta ad un uso quotidiano e comoda per quattro persone. Leggendo la scheda tecnica, Opel Cascada Cabrio è disponibile con i motori quattro cilindri turbo benzina 1.4 (120 CV) e 1.6 (170 CV) e il turbo diesel 2.0 CDTI (170 CV), quest’ultimo con Start&Stop. Le motorizzazioni sono tarate per il tipo di vettura che Opel Cascada rappresenta, perciò non ci sono motorizzazioni per neopatentati. Opel Cascada è a trazione anteriore e solo con cambio manuale, tranne la 1.6 benzina da 170 CV disponibile esclusivamente con cambio automatico. Opel Cascada seppur slanciata, ha dimensioni generose: la lunghezza è di ben 4.70m, per accogliere quattro persone in tutta comodità, è larga 1.84m e alta 1.44m. L’estetica della Cascada ricorda le forme della Opel Astra di precedente generazione (da cui peraltro riprende la meccanica), ma è adattata alle nuove proporzioni di cabrio confortevole a 4 posti, mostrandosi elegante e originale. Lo stile dei fanali posteriori è quello della berlina Opel Insignia restyling (generazione precedente). Gli interni riprendono lo stile della Astra ma in chiave più sportiva, anche se la miriade di pulsanti nella plancia tradisce l’età del progetto di base. Opel Cascada Cabrio vanta i fari bi-xeno con luci diurne a LED e Adaptive forward lighting (optional a 1265€) con livellamento automatico dei fari e lavafari, capote in tessuto (nera) ad azionamento elettrico (17 secondi per aprirsi/chiudersi, fino a 50 km/h in movimento) e le sospensioni anteriori “HiPer Strut” della sorella coupé GTC che riducono il sottosterzo e rendono agile la Cascada, che in ordine di marcia pesa circa 1700 kg. L’abitacolo è accogliente per 4 persone e l’accesso ai posti è facile a capote abbassata. Il bagagliaio, malgrado la lunghezza dell’auto, risente della presenza della capote e offre 280 litri di capacità minima, che aumentano a 380 litri con capote chiusa e con sedili ripiegati fino a 750 litri. Opel Cascada è disponibile nel solo allestimento “Innovation” e offre di serie molte aggiunte che la concorrenza spesso offre come optional: vernice solida bianca (gli altri colori a 710€, tutti metallizzati), il servizio Opel OnStar, cerchi in lega da 18”, volante regolabile in altezza, ESP con controllo di trazione, climatizzatore automatico bi-zona, radio CD con IntelliLink, cruise control, freno di stazionamento elettrico, fari posteriori a LED, fari fendinebbia, sensori di parcheggio anteriori e posteriori, monitoraggio della pressione degli pneumatici, assetto sportivo, roll bar a scomparsa dietro i poggiatesta posteriori. Offrendo molto di serie, la lista degli optional di Opel Cascada è contenuta: cerchi in lega da 19” (505€/760€) o 20” (1010€), ammortizzatori a controllo elettronico FlexRide (1010€), ruotino di scorta (17”, 155€), capote di colore grigia, marrone o rossa (405€), ulteriore strato fonoassorbente nella capote (305€), regolazione elettrica dei sedili anteriori (355€), sedili in pelle (nera 1615€, nappa ocra 3030€), Opel Eye (810€) che racchiude molti sistemi di ausilio alla guida, frangivento (305€) e navigatore con IntelliLink (639€). Prezzo non certo basso, ma in linea con le competitor del mercato. Le nostre opinioni dopo la prova su strada sono molto positive.

Versione consigliata

Opel Cascada Cabrio è rivolta ad automobilisti che cercano una vettura sfiziosa e convertibile ma che possa anche trasportare quattro persone nel massimo comfort, quindi la versione ideale per questa cabrio è rappresentata dalla motorizzazione 1.6 turbo benzina 170 CV con cambio automatico (da 36780€), che offre il giusto spunto, silenziosità e fluidità in marcia. Chi magari vuole usare Cascada tutti i giorni e percorre molti chilometri fuori città e vuole risparmiare sul carburante, può optare per la 2.0 diesel (da 35520€), anche se perde un po’ lo spirito della decappottabile, causa le vibrazioni e le sonorità (non proprio entusiasmanti) tipiche di questo propulsore. Di base la vettura offre già molto, ma sono optional da prendere in considerazione il sistema Opel Eye e gli ammortizzatori a controllo elettronico.

PRO

  • Guida e frenata: Le modifiche di irrigidimento torsionale del telaio e l’adozione di sofisticate sospensioni anteriori rendono una cabriolet da 4.70m e quasi 17 quintali quale è la Cascada divertente e sicura alla guida.
  • Dotazione/prezzo: I principali concorrenti fanno pagare cari optional che Cascada offre di serie, il che la rende una vettura completa al momento dell’acquisto.
  • Stile: Malgrado non differisca troppo dagli stilemi di Opel Astra, la linea è personale e dissimula bene le proporzioni generali della vettura.

CONTRO

  • Visibilità: D’accordo che i sensori sono di serie sia davanti che dietro, però in manovra è difficile vedere, soprattutto a capote chiusa.
  • Accorgimenti: Sono assenti vani refrigerati, che per una vettura che da il meglio di se nelle stagioni calde, sarebbero un bel plus; la strumentazione non è esente da illeggibilità causa troppo riflesso.
  • Comandi console centrale: La console centrale non è proprio all’ultimo grido in termini di ergonomia, che nelle vetture moderne passa da comandi touch screen su appositi schermi.

SCHEDA TECNICA

I dati tecnici e le caratteristiche

MOTORI

Cambio manuale, automatico
Trazione anteriore
Coppia Massima 400 rpm

CONSUMI E EMISSIONI

Consumo urbano 6 - 10/100 km
Consumo extraurbano 4 - 6.2/100 km
Consumo medio 4.9 - 4.9/100 km

DIMENSIONI E MISURE

Tipo di carrozzeria Cabriolet
Lunghezza 4.700 mm
Passo 2.690 mm
Larghezza con specchietti 1.840 mm

PROVA SU STRADA

NEWS

MODELLI

Parole di Fabio Psoroulas

Fabio Psoroulas è stato un redattore interno di Nanopress fino al 2019, occupandosi di tecnologia, sport, motori.

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.