Mezzi piu carichi di sempre

Auto, scooter, bici: i mezzi di trasporto più carichi di sempre [FOTO]

Mezzi piu carichi di sempre

Mezzi piu carichi di sempre

Oggi scopriamo i mezzi di trasporto più carichi di sempre. Paese che vai, usanza che trovi. Ero così il detto, pare. In questo caso forse è meglio di necessità, virtù, perchè si tratta proprio di sfruttare l’inventiva e l’ingegno per sopperire ad una necessità. Non siamo nuovi a vedere mezzi sovraccarichi all’inverosimile, ma noi abbiamo raccolto i più eclatanti.

Viaggio nel deserto

I viaggi nel deserto non sono mai facili, ma ammassati così su di un camion forse è ancora peggio. Speriamo, se non altro, che il biglietto per la trasferta sia costato poco!

Carico di legna

Questo è un grande esempio di ottimizzazione dello spazio ed aumento dell’efficienza produttiva. Magari impiegheranno più tempo a caricare il materiale a bordo, ma di certo faranno meno viaggi per portare tutto il carico a destinazione, non trovate?

Treno affollato

Chi ha detto che i passeggeri di un treno debbano per forza di cose occupare solo i sedili? A quanto pare in questo caso i viaggiatori hanno rovesciato il concetto e cercato di occupare ogni centimetro quadrato a disposizione. Che stiano andando a seguire una finale di calcio?

Trasporto uova

Più che un trasporto ordinario, o sovraccarico come nel nostro caso, questa è una prova di abilità. Voi riuscireste a non rompere nessun uovo tra quelli trasportati? Il classico esempio di talenti nascosti nelle persone comuni….

Triciclo sovraccarico

Evidentemente qui c’era bisogno di fare un trasloco o una consegna urgente. Magari il furgone ha bucato una ruota e la tabella di marcia non prevedeva ritardi. Insomma, possono essere tanti gli scenari ipotizzabili, fatto sta che la piramide di pacchi caricata su questo triciclo (a trazione umana! ndr) è impressionante. E nelle curve? Speriamo non arrivi troppo veloce….

© 2005-2022 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.