Certificato auto digitale: il certificato di proprietà non sarà più carteceo

Certificato auto digitale: il certificato di proprietà non sarà più carteceo

1 di 5

1 di 5

Certificato di proprietà digitale

Dal 5 Ottobre 2015 si dice addio al Certificato di Proprietà nel suo formato cartaceo, che verrà soppiantato dal digitale. Una misura che è stata intrapresa anche per risparmiare il gran numero di carta che viene utilizzata per questo tipo di documento (30 milioni di fogli l’anno) , una soluzione che anche l’ambiente ringrazia con una drastica diminuzione di alberi abbattuti (circa quattrocento alberi l’anno). Per quanto riguarda il risparmio del singolo possessore è ancora difficile fare una stima della cifra, perché il costo della pratica dovrebbe rimanere invariato. Un piccolo vantaggio dovuto all’arrivo del Certificato digitale è il fatto che mai più si potrà smarrire, perché una volta online il documento sarà sempre reperibile. Fino ad oggi si contavano più di 300.000 smarrimenti di certificati di proprietà durante i 12 mesi dell’anno, con conseguente spesa per ottenere un duplicato. Le prime stime parlano di un risparmio calcolato di 4,5 milioni di euro.

1 di 5

Pagina iniziale

1 di 5

Parole di Tommaso Giacomelli

Da non perdere
Potrebbe interessarti

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.