servosterzo elettrico dualdrive

Come funziona il Servosterzo elettrico e idraulico

2 di 5

2 di 5

Servosterzo elettrico. Di cosa si tratta

Servosterzo elettrico, come funziona

Un tempo quando bisognava definire lo sforzo da applicare al volante i tecnici sceglievano un valore medio tra la massima leggerezza dello sterzo, quella auspicabile durante le manovre di parcheggio, e una risposta più precisa, utile ad alta velocità che era in grado di garantire un controllo maggiore sulla vettura. Questo succedeva perché il grado di asservimento di un’idroguida è costante a tutte le velocità. Con il servosterzo elettrico invece la risposta dello sterzo dipende dalla velocità della vettura: più questa aumenta, più l’asservimento si riduce e lo sforzo al volante aumenta, garantendo in questo modo una maggiore precisione di guida. Questo è dunque un sistema molto innovativo, perchè anche tra i dispositivi di servoassistenza elettrica, offre la possibilità di scegliere tra due differenti programmi di taratura. Il primo assicura il massimo feeling tra guidatore e vettura, ed è ideale sui percorsi misti extraurbani. Il secondo invece alleggerisce lo sterzo e richiede il massimo sforzo ed è molto adatto durante la marcia in città e nelle manovre di parcheggio.

2 di 5

Pagina iniziale

2 di 5

Parole di Giuseppe Mancini

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.