Dacia Stepway

Dacia Stepway: tutta la gamma diventa crossover

2 di 3

2 di 3

Tutti in versione Stepway

La carrozzeria è disponibile in cinque colori. Quattro sono metallizzati: blu azzurrite (esclusivo per la Stepway), grigio platino, grigio cometa e nero nacré; poi la tinta opaca bianco ghiaccio. Il blu è molto presente anche negli interni, utilizzato per le finiture.

Tra le dotazioni di serie la gamma Stepway include il sistema di navigazione multimediale con display touchscreen, cruise control, climatizzatore manuale, volante in cuoio, vetri elettrici anteriori e posteriori.
Per quanto riguarda i motori, la Lodgy Stepway prevede il TCE a benzina da 115 cavalli e cambio manuale a 5 rapporti. La casa dichiara consumi medi di 5,7 litri per 100 Km sul corpo vettura a 5 posti e 5,9 litri sulla versione a 7 posti. Il turbodiesel dCI 1.5 da 110 cavalli vanta consumi di 4,4 litri per 100 Km.
Il TCE da 115 cavalli è disponibile anche per il Dokker. Per questo modello è previsto anche il 1.5 diesel in configurazione da 90 cavalli (consumi dichiarati di 4,5 l/100 Km).
I due modelli sono già ordinabili. Il listino prezzi per la Lodgy Stepway parte da 14.900 euro sulla versione a benzina e cinque posti, poi 15.400 sul modello a sette posti. Per il diesel i prezzi sono di 15.800 e 16.300 euro, rispettivamente per le versioni a cinque e sette posti. Il Dokker ha un prezzo di 14.800 euro per il modello a benzina e di 15.200 per il diesel. Tutti i prezzi sono Iva inclusa e chiavi in mano.

Nel 2014 la Dacia ha ottenuto importanti risultati di vendita in Italia, salendo del 42% rispetto al 2013 e raggiungendo una quota di mercato del 2,7% (+07%) con 39.968 veicoli. Il Gpl rappresenta una fetta importante per la casa rumena sul nostro mercato: il 34% sul totale delle vendite del marchio. In tutta l’Europa la Dacia ha raggiunto il 2,5% nella quota di mercato (+0,4%).

2 di 3

Pagina iniziale

2 di 3

Parole di Roberto Speranza

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.