revisione patente

Revisione patente di guida: in cosa consiste e significato

2 di 6

2 di 6

Esame revisione patente di guida

Quale è il significato di revisione patente? Cosa si deve fare? Questa procedura è regolata dall’articolo 128 del Codice della strada. E’ quasi come rifare la patente da capo. Infatti si devono sostenere due esami, uno di teoria e uno di guida. L’interessato riceve una lettera che comunica il provvedimento di revisione. Dalla data della notifica si hanno 30 giorni di tempo per prenotare l’esame alla Motorizzazione. Poi si ha un anno di tempo per sostenerlo. Se non viene sostenuto (oppure si supera la teoria ma non si sostiene la pratica), si deve effettuare un’altra prenotazione e sostenere sempre entrambi gli esami entro un anno, anche se la teoria era stata superata. Se si prenota l’esame ma non ci si presenta a sostenerlo, la patente viene sospesa a tempo indeterminato alla scadenza dei 30 giorni sopra indicati.
L’esame si può sostenere anche presso una scuola guida (non è obbligatorio frequentare i corsi); in questo caso si dovranno pagare le relative tariffe
Se non si prenota l’esame entro 30 giorni dalla notifica della lettera, la patente viene sospesa a tempo indeterminato, fino a quando non si superano entrambi gli esami. Chi circola con la patente sospesa è soggetto ad una multa da 155 a 624 euro e, soprattutto, alla revoca della patente stessa.
Altro caso: chi ha la patente sospesa dalla prefettura a tempo determinato per altri motivi, non può sostenere gli esami. Deve prima attendere che passi il periodo di sospensione e gli venga restituita fisicamente la patente.

Se non si supera uno dei due esami, la patente viene revocata. Si dovrà rifare tutto da capo come se non la si fosse mai conseguita: visite mediche, frequenza dei corsi insieme ai diciottenni, esercitazioni obbligatorie, esami. Procedura molto costosa, se ne vanno almeno mille euro. Ci fanno solo lo “sconto” dei neopatentati, nel senso che questi limiti sono comunque riferiti alla data della patente revocata, non ripartono da zero.

Un’ulteriore postilla: non si può “scappare” dall’esame per sempre. Se non si prenota l’esame entro 30 giorni, la patente viene sospesa. Se si prenota anche all’ultima data utile entro un anno e non ci si presenta, la patente viene sospesa. Se si supera la teoria ma non si sostiene la pratica entro la scadenza dell’anno, si deve ripresentare una nuova domanda entro 30 giorni dalla scadenza della prima, altrimenti la patente viene sospesa. E così via. Se si fallisce uno dei due esami, la patente viene revocata. Se si guida quando la patente è sospesa, viene revocata e si prende una multa da paura. L’unica via di scampo è superare entrambi gli esami al più presto.

2 di 6

Pagina iniziale

2 di 6

Parole di Roberto Speranza

Potrebbe interessarti

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.