foto (2)

Ford Smart Mobility, un progetto per innovare la mobilità

1 di 4

1 di 4

foto (2)

Alla Vignale Lounge, all’interno del Foro Italico a Roma, è andata in scena una conferenza stampa sulla Smart Mobility, un tema attuale che sta molto a cuore a Ford, e che grazie alla connettività e alle nuove tecnologie, potrebbe garantire una vita migliore ad ogni cittadino del Mondo. Vignale è il motivo conduttore della presenza di Ford agli Internazionali di tennis di Roma, perché questa carrozzeria presenta la Mondeo che è il top per quanto riguarda l’espressione del design. Nei Ford Store associati con Vignale, 35 in Italia e 500 in europa, la Vignale Lounge è un area esclusiva che grazie al supporto del manager risolverà i problemi della vostra vettura e configurerà la macchina al momento dell’acquisto. Ma il tema principale dell’incontro è la Smart Mobility, e non c’è Smart City se non ci sono Smart Citizens, quindi fondamentale nei prossimi anni sarà la diffusione di un certo tipo di cultura in coloro che per adesso sono lontani dal mondo smart. Un altro interessante spunto riguarda il fatto che le case automobilistiche non si potranno ridurre a produrre solamente automobili, non sarà più sufficiente, anche se da qui al 2030 il mercato dell’auto sarà in forte crescita, perché si stanno motorizzando aree che non lo erano prima, e in mercati in crescita come gli Stati Uniti, Cina, India si arriverà a 100 milioni di vetture vendute all’anno, e questo dato va di pari passo con quello che sono le megalopoli e la loro crescita esponenziale (entro il 2025 ci saranno 40 megalopoli). La trasformazione sociale, la crescita del mercato dell’auto, sta a significare la crescita di una classe media che compra auto. Ma anche se tutto questo porterà dei benefici, d’altro canto ci saranno anche effetti negativi come la condizione del traffico, ed i costi sociali che non sono di immediata quantificazione. Ford in giro per il mondo ha deciso di affrontare queste problematiche, sia in zone urbane che non urbane, tentando di risolverle nel medio periodo. I problemi riguardanti la mobilità di massa sono molteplici, e dipendono dalle aree in questione; quindi per gli sviluppatori di app, e non solo, stanno aumentando le sperimentazioni pratiche e le sfide nella gestione della mobilità: una di queste riguarda Roma, la città col peggior traffico d’Europa, e l’obiettivo sarebbe rendere più smart il traffico dalla periferia al centro; un altro è rendere raggiungibili gli ospedali dalle zone rurali durante le calamità naturali come i Monsoni. A Los Angeles il problema vero è il parcheggio e quindi l’obiettivo è la creazione smart parking, e perché non riqualificare le zone industriali che sono perfette per lo smart parking, per ottimizzare i parcheggi auto.

1 di 4

Pagina iniziale

1 di 4

Parole di Tommaso Giacomelli

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.