interni kia soul 2016

Kia Soul 2017 restyling, ora anche turbo: prezzo e caratteristiche [FOTO]

2 di 4

2 di 4

Cosa cambia?

Sicuramente oltre ai vari ritocchini estetici riguardanti l’aspetto esteriore, molte novità verranno introdotte per gli interni, dove si percepisce un certo innalzamento della qualità, grazie a rivestimenti in tessuto e pelle nera con cuciture arancio. Garantisce un certo miglioramento anche il nuovo sistema di infotainment con navigatore satellitare e schermo touchscreenHMI con display touch a colori da 5, 7 o 8 pollici che offre la massima connettività con lo smartphone, grazie al supporto per Android Auto e Apple CarPlay. Interessante il debutto di nuove dotazioni, tra le quali spiccano i sedili riscaldati (seduta e schienale per quelli davanti, seduta solamente per i posti dietro) e ventilati con aria fresca del climatizzatore (solo quelli davanti) ed il volante riscaldato. Inedito il già citato motore turbo T-GDI da 1.6 litri con iniezione diretta di benzina ed una potenza erogata pari a 201 cavalli, scaricati sulla trazione anteriore. In abbinamento il cambio automatico doppia frizione a 7 rapporti, assolutamente nuovo. Le prestazioni vengono quindi innalzate, la velocità massima raggiungibile è di 196 km/h, mentre in 7,5 secondi si ricopre la distanza da 0 a 100 km/h. Questo propulsore discende direttamente dalla Cee’d GT e dalla Pro Cee’d GT,. Per completare il quadro, l’equipaggiamento della nuova Soul sarà composta da telecamera per la retromarcia, sedile passeggero con regolazione a 8 vie, tergicristalli con sensori pioggia, nuova porta USB nella parte posteriore dell’abitacolo. Sulle versioni che montano il cambio automatico sarà disponibile anche il selettore Drive Mode con tre opzioni: Normal, Eco e Sport. Tra i sistemi di assistenza alla guida che debuttano sulla compatta ci sono il Blind Spot Detection e il Rear Cross Traffic Alert.

2 di 4

Pagina iniziale

2 di 4

Parole di Tommaso Giacomelli

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.