Mercedes Classe E 2016 vs Volvo S90

Mercedes Classe E 2016 vs Volvo S90: confronto tra berline di lusso [FOTO]

2 di 7

2 di 7

Lo stile

Un’auto, lo sappiamo benissimo, dev’essere bella. Il design, infatti, è ancora uno dei motivi principali per l’acquisto di un’automobile piuttosto che di un’altra. La nuova generazione della Classe E si può definire come una rivoluzione rispetto alla sua progenitrice in senso stretto, ma in senso più ampio non porta sul mercato niente di mai visto prima. Questo perchè gli stilisti della Stella hanno voluto portare sul segmento E lo stile – apprezzatissimo – dei più recenti modelli della casa. Mercedes Classe C e Classe S in primis, ma anche Classe A e compagnia bella. Questo significa che nel frontale troviamo un’ampia mascherina, con ai lati due gruppi ottici dall’ottica interna moderna e dalla forma sinuosa. L’andamento delle fiancate e del padiglione è molto curato non solo visivamente parlando, ma anche in termini di efficienza, visto che la nuova Mercedes può vantare un Cx di appena 0,23.

La Volvo S90, invece, è uno dei modelli principali chiamati a portare una rivoluzione nel listino della casa svedese. Prosegue quanto iniziato dalla nuova Volvo XC90, portando lo stesso family feeling e la stessa cura dei dettagli sulle proporzioni di una berlina a tre volumi lunga quasi cinque metri. Le caratteristiche principali del frontale sono simili a quelle della sfidante, ossia una grossa mascherina cromata, gruppi ottici molto elaborati internamente ed un lungo cofano motore. Il tetto scende dolcemente fin verso la fine della vettura, con una soluzione di continuità tra il secondo ed il terzo volume, quasi a strizzare l’occhio alle fastback.

Lo stile è molto soggettivo, ma in questo caso ci troviamo di fronte a due belle vetture. La parità può essere considerata un risultato oggettivo.

2 di 7

Pagina iniziale

2 di 7

Parole di CA

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.