Nuova Lexus RX salone di Francoforte 2015

Nuova Lexus RX 2016: prezzo e consumi del SUV hybrid di lusso [FOTO]

2 di 7

2 di 7

Le novità

In 26 anni sono state vendute 2.2 milioni di Lexus RX, adesso il suv si aggiorna e insegue i dettami stilistici del marchio, lanciati con Lexus IS prima e Lexus NX poi.
Le forme già taglienti si rifiniscono ulteriormente, in particolare sui gruppi ottici e sul muso, che propone nervature più marcate sul cofano motore, a collegare i montanti con la calandra a clessidra.
Interessante la scelta adottata per il montante posteriore, un’onda spezzata dalle vetrature del terzo finestrino.
I fari hanno abbaglianti e anabbaglianti a led, nonché l’opzione (inclusa nel pacchetto Lexus Safety System +) dell’attivazione e spegnimento selettivo degli abbaglianti, l’Intelligent High Beam.
La carrozzeria non offre solo spunti di design, ma anche tecnologici, essendo rivestita di una speciale patina antigraffio, caratterizzata da un polimero particolarmente elastico e resistente, inoltre, un trattamento dedicato della verniciatura assicura il mantenimento della brillantezza dei colori di fabbrica anche nel tempo.

Passando agli interventi più importanti, si registrano essenzialmente a bordo. L’ambiente è totalmente stravolto, molto più accogliente, al tempo stesso sportivo ed elegante. Si ha la sensazione di un vero suv premium. Il volante tre razze, l’enorme display da 12.3 pollici dell’infotainment (è un optional, di serie è previsto uno schermo da 8 pollici), o ancora il disegno della plancia nella parte alta e il raccordo con il tunnel: complessivamente si percepisce una cura e finitura superiori, come le linee delle bocchette del clima, quella lato passeggero, in particolare.
Il navigatore premium fa parte della dotazione di serie, non altrettanto l’head up display. Con il Panoramic View Monitor, invece, si ha una visione a 360 gradi dell’esterno.

Gli interni offrono un diverso posizionamento dei sedili posteriori, adesso più in basso, grazie alle modifiche al fondo nella sezione posteriore, assicurando così le stesse sensazioni offerte sulla berlina Lexus LS.
Arretrando verso la coda, da segnalare il portellone con apertura intelligenti: basta avvicinare la mano al logo Lexus e l’automazione farà il resto.
Lungo l’elenco di dispositivi di sicurezza attiva e passiva, insieme agli ausili alla guida. A richiesta è presente il Dynamic Radar Cruise Control, l’avviso al superamento involontario di corsia con assistenza sul volante, il parcheggio assistito, fino al pacchetto Lexus Safety System + che include l’avviso di collisione imminente e la frenata automatica.

Tante opportunità anche per la personalizzazione del comparto multimediale, non solo attraverso la dimensione del display, ma anche sul fronte audio, con un impianto standard da 9 altoparlanti, radio in alta definizione e riconoscimento vocale, in alternativa si può optare per un impianto Pioneer con 12 casse o un Mark Levinson da 16 diffusori. Pensa anche a chi deve ricaricare il proprio smartphone e non vuole il fastidio di cavi da collegare, Lexus: ricarica induttiva a disposizione dei clienti.

La dinamica di marcia beneficia del selettore di modalità di guida, con le alternative: Eco (massimo risparmio, accelerazioni graduali e impostazione del climatizzatore per consumare meno), Normal, Sport (risposta più pronta del powertrain ibrido) e Sport S, quest’ultimo offerto unicamente nelle versioni con sospensioni adattive.

Ultime note per lo schema ibrido e il motore elettrico installato al posteriore. Lexus RX 2016 monta numerosi componenti in alluminio, che contribuiscono alla riduzione del peso, in aggiunta, il cambio automatico 8 marce ha una spaziatura dei rapporti accorciata e il motore termico benzina aspirato, con iniezione diretta, ha subìto la riprogettazione dei condotti di aspirazione e della camera di combustione.

2 di 7

Pagina iniziale

2 di 7

Parole di FP

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.