nuova Mini JCW cabrio 2016 (3)

Nuova Mini Cabrio 2016: prezzo e caratteristiche, anche John Cooper Works [FOTO]

2 di 5

2 di 5

Motori e caratteristiche

Non ci sono novità eclatanti all’impostazione generale. Deriva dalla Mini e viene proposta in listino con la stessa gamma di motorizzazioni benzina e diesel, tutti turbocompressi. Si parte con il tre cilindri benzina 1.5 litri da 102 e 136 cavalli, quest’ultimo con 220 Nm (230 Nm con l’overboost), per arrivare poi al prestazionale 2 litri della Cooper S, con 192 cavalli 280 Nm (300 Nm con l’overboost) o all’estremo 2 litri da 231 cavalli che “pulsa” sotto al cofano della versione sportiva John Cooper Works.
Sul fronte dei diesel c’è la Mini Cabrio Cooper D con il frugale turbodiesel 3 cilindri da 116 cavalli 1.5 di cilindrata, altrimenti disponibile un 2 litri da 170 cavalli per la Cooper SD.

La capote resta in tessuto, ad azionamento elettrico: si ripiega nel vano bagagli, regalando il piacere di guidare con il vento tra i capelli. L’azionamento è di tipo elettrico, con apertura completa in appena 18 secondi, anche in marcia, fino a 30 km/h. Così come è stato per la normale Mini berlina, anche sulla cabrio c’è un interessante incremento delle dimensioni: 3.821 millimetri in lunghezza, 1.727 mm in larghezza e 1.415 mm in altezza. É realizzata a partire dal nuovo pianale UKL, che ha anche permesso queste differenze nelle dimensioni, che hanno portato non solo vantaggi in termini di abitabilità interna, ma anche di bagagliaio: 160 litri di capienza con la capote abbassata e 215 litri con il tetto chiuso (il 25% in più rispetto al vecchio modello).

Sul fronte della personalizzazione segnaliamo l’introduzione di due nuove tinte per la carrozzeria (Caribbean Aqua e Melting Silver), un nuovo rivestimento interno (pelle Chester colore Malt Brown) e la possibilità di personalizzare la capote con la bandiera inglese Union Jack stilizzata sulla parte superiore.

2 di 5

Pagina iniziale

2 di 5

Parole di FP

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.