Nissan Juke 2016

Nuova Nissan Juke, annunciata la seconda generazione

Nissan Juke 2016

Nissan Juke 2016

Il canto del cigno dell’attuale generazione è arrivato con la Juke-R Nismo 2.0, adesso si guarda avanti, alla nuova Nissan Juke, quella di seconda generazione, chiamata a sostituire il crossover lanciato 5 anni fa e inventore di un segmento di mercato verso il quale tutti sono poi stati costretti a rincorrere e proporre alternative.
Il design a dir poco originale è stato uno dei punti di forza, per distinguersi dalle “solite” utilitarie e posizionarsi un po’ più in alto quanto a dimensioni e posizione di guida.

La nuova Juke

Nissan ha confermato che nuova Juke verrà prodotta negli stabilimenti inglesi di Sunderland, per l’occasione potenziati con investimenti pari a 100 milioni di sterline.
Quali saranno le caratteristiche è ancora presto dirlo, si sa però che verrà realizzata sul pianale CMF-B, versione del Common Module Family destinata ai prodotti di segmento inferiore, rispetto alle applicazioni viste, ad esempio, su Nissan Qashqai o Renault Espace.

| LEGGI ANCHE: NISSAN JUKE, I DETTAGLI DELLA GAMMA 2015 |

Sarà una Nissan Juke 2016 nel segno della continuità stilistica o stravolgerà i canoni odierni per reinventarsi? Quanto a riconoscibilità e originalità, probabilmente solo Citroen C4 Cactus riesce ad avvicinarsi al crossover nipponico, dettaglio da non trascurare per continuare nella formula “anti-convenzionale”, punto forte dell’attuale prodotto.
La “carriera” di Juke ha visto un restyling arrivare nel 2014, intervenendo su dettagli secondari, arricchendo l’infotainment e rivedendo colorazioni nonché il disegno dei fari. Nel corso del 2016, probabilmente già al salone di Ginevra a marzo, dovremmo scoprire se non il prodotto destinato alla produzione un concept che dia un’indicazione di stile, buona per saggiare le reazioni del pubblico.

Parole di FP

© 2005-2022 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.