parabrezza auto consigli sbrinare

Parabrezza auto: come sbrinarlo correttamente

parabrezza auto consigli sbrinare

parabrezza auto consigli sbrinare

Si avvicina l’inverno e tornano quindi utili alcune indicazioni per mantenere la sicurezza del parabrezza e sbrinarlo nel modo corretto per evitare la rottura.
L’inverno è infatti deleterio per le autovetture, oltre che per la vernice, le guarnizioni di gomma, le plastiche e molto altro, soprattutto anche per il parabrezza. Il gelo infatti può compromettere la solidità del vetro e, di conseguenza, la sicurezza di conducente e passeggeri.

Il sale mai!

In primis è necessario evitare di usare di mettere il sale sul vetro dell’auto. Questo infatti nel caso in cui non si dovesse sciogliere può graffiare il parabrezza e corrodere lo strato interno del vetro in caso di scheggiatura o crepa. Alcuni automobilisti usano anche versare acqua bollente sul parabrezza, ma questa pratica è assolutamente sconsigliata, così come quella di indirizzare direttamente il getto di aria calda sul vetro.
Le grandi differenze di temperatura tra aria erogata sul vetro e quest’ultimo fanno in modo che il livello di stress del parabrezza sia molto alto e ovviamente a rischio. Meglio riscaldare il parabrezza lentamente evitando getti diretti di aria molto calda.
Non si deve nemmeno provare a rompere lo strato di ghiaccio con oggetti appuntiti o spigolosi perchè questa è un’altra operazione che rischia di far graffiare il vetro. Bisogna aspettare che il parabrezza sia scongelato e poi raschiare il ghiaccio con una spatola di plastica.

Ottimi gli spray

Inoltre si possono usare anche spray chimici per lo sbrinamento, ma non ci devono essere scheggiature o crepe nel parabrezza. Non bisogna nemmeno usare tergicristalli danneggiati, bisogna infatti controllare se questi siano rotti, se hanno crepe e logoramenti sono da sostituire e questo deve comunque avvenire almeno una volta all’anno.

Parole di Giuseppe Mancini

© 2005-2022 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.