Suv Alfa Romeo Stelvio 2017, streaming: la presentazione in diretta da Los Angeles [FOTO e VIDEO]

Suv Alfa Romeo Stelvio 2017, streaming: la presentazione in diretta da Los Angeles [FOTO e VIDEO]

2 di 4

2 di 4

Presentazione in streaming

Presentazione in anteprima mondiale al Salone di Los Angeles 2016 per il primo SUV della storia di Alfa Romeo. La Stelvio deriva dal pianale della Giulia, che quindi propone trazione integrale e posteriore. A Los Angeles viene mostrata la versione più sportiva di tutte, la Quadrifoglio, che monta il 2.9 litri V6 biturbo da 510 cavalli. Per tutti i dettagli non ci resta che aspettare la presentazione e gustarcela live presso lo streaming!

I render

Vari render puntano tutto sulla stretta parentela con la Giulia, ipotesi che poggia le basi sulla volontà (e l’opportunità) di creare una gamma di prodotti fortemente identificabili sul piano dello stile. Indipendentemente dalla carrozzeria, gli elementi chiave devono restare invariati. E’ il family feeling, il fattore che permette di riconoscere un marchio al volo: il doppio rene di Bmw, la calandra single frame di Audi, in Alfa Romeo c’è il trilobe al centro del muso, ma secondo la ricostruzione del designer ungherese, il suv potrebbe replicare l’impianto della berlina.

Il pianale Giorgio resterà invariato, così come la gamma di motorizzazioni, imperniata sulle unità turbodiesel 2.2 litri e il V6 3 litri, senza contare le proposte a benzina, più spiccatamente prestazionali. Confermata anche la versione sportiva, la Quadrifoglio, anche sulla sport utility.
Nell’idea i X-Tomi del suv Alfa Romeo, spazio per i codolini passaruota aggiuntivi e le barre sul tetto, oltre a una differente linea di cintura. Una ricostruzione grafica buona per avere un’idea di quale risultato potrebbe portare il design di Alfa Romeo Giulia sulla carrozzeria rialzata.

2 di 4

Pagina iniziale

2 di 4

Parole di FP

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.