targhe straniere in italia 2015

Targhe straniere in Italia: in arrivo una legge contro i furbi

1 di 3

1 di 3

Tra le mille elusioni ed evasioni fiscali escogitate dai vari “furbi” in Italia, una che colpisce non poco le casse delle amministrazioni pubbliche (le quali poi, per rifarsi, aumentano le tasse a chi non le può evadere) è quella delle targhe estere. Sfruttando l’ennesima scappatoia offerta da leggi mal pensate e peggio scritte, sono sempre di più i residenti in Italia che circolano nelle nostre strade con macchine di lusso immatricolate all’estero, prevalentemente nei paesi dell’Europa orientale. In questo modo evitano di pagare le salate tasse italiane che gravano sull’auto, come il superbollo, e contraggono polizze assicurative estere meno costose della RC auto italiana. Ancora peggio, se ne infischiano delle multe, perché abbiamo un sistema di riscossione cervellotico quando si tratta di targhe straniere. Per questi furboni l’autovelox non esiste, perché la notifica può arrivare, se arriva, solo alla società estera, che ignora tranquillamente il tutto. Inoltre, in caso d’incidente, la trafila burocratica per chi lo subisce è micidiale e in ultima analisi paga lo Stato.

1 di 3

Pagina iniziale

1 di 3

Parole di Roberto Speranza

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.