V

Volvo V60 D5 Twin Engine ibrida: motore e scheda tecnica [FOTO]

2 di 3

2 di 3

Verrà lanciata al salone di Ginevra 2015 in edizione speciale, limitata in 500 esemplari, prima che sul mercato arrivi una V60 D5 ibrida “per tutti”. Cosa la caratterizza? Anzitutto la tinta carrozzeria Christal White, interrotta da particolari in nero lucido, nello specifico i profili inferiori sul paraurti, i supporti degli specchietti e i montanti centrali e posteriori.
Fanno bella mostra di sé anche i cerchi in lega da 19 pollici, bicromatici, mentre all’interno risaltano gli elementi piano black, i sedili sportivi con dettagli bianchi degli allestimenti Ocean Race.

Tornando alla sostanza, alla tecnica, la D5 Twin Engine eroga complessivamente 230 cavalli in modalità Power, quella in cui si sfrutta al massimo la potenza del sistema ibrido, con un valore di coppia stratosferico, da ben 600 Nm (contro i 640 della D6 con motore 2.4 litri), di cui circa 400 assicurati dal propulsore turbodiesel.
Le prestazioni perdono un bel po’ di brio se messe a confronto con la D6 Plug-in Hybrid, perché in accelerazione da 0 a 100 si passa da 6″1 a 9″ netti, valore comunque sufficiente vista la stazza della station wagon, prossima ai 1900 kg nella configurazione ibrida.

V

I tempi di ricarica, invece, sono dichiarati in 4,5 ore da una presa di corrente standard. Accanto alla modalità per esprimere le prestazioni più elevate, troviamo quella Pure, per la marcia elettrica con un’autonomia di 50 km, la Hybrid per gestire autonomamente i due sistemi propulsivi e combinarli al bisogno, e la Save Battery, con la quale si esclude l’intervento del motore elettrico, preservando la carica delle batterie per i frangenti, ad esempio, di marcia cittadina.

Il listino odierno di Volvo V60 D6 Plug-in Hybrid parte da 61 mila euro. Restiamo in attesa di conoscere il prezzo della D5 Twin Engine.

Fabiano Polimeni

2 di 3

Pagina iniziale

2 di 3

Parole di FP

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.