Altri guai in MotoGP, c’è un grosso ritardo: può saltare la gara?

La MotoGP vive ore di angoscia in vista del Gran Premio d’Australia, che si terrà in questo week-end. Ecco cosa sta succedendo.

Non c’è un attimo di respiro per la MotoGP in questo finale di stagione targato 2023. Pecco Bagnaia ha vinto in Indonesia e comanda con 18 punti di vantaggio su Jorge Martin, che ha gettato via un’ipotetica mini-fuga nel mondiale cadendo mentre stava dominando a Mandalika. Lo spagnolo della Ducati Pramac era salito in testa alla classifica al sabato, vincendo la Sprint Race, ma alla domenica non è riuscito a completare l’opera.

MotoGP gara a rischio
MotoGP rider in azione (ANSA) – Allaguida.it

Ciò significa che ha siglato un record negativo, visto che la sua è stata la leadership iridata più breve della storia della MotoGP, restando in testa al campionato per sole 24 ore. Il Motomondiale torna subito in pista in Australia in questo week-end, sulla pista di Phillip Island, una delle più belle, tecniche e difficili di tutto il campionato, dove emerge la stoffa del campione.

Lo scorso anno, Bagnaia andò in testa al campionato proprio qui, chiudendo terzo ed approfittando della caduta di Fabio Quartararo, che si giocò le residue speranze di lottare sino alla fine per il campionato. La fortuna di Martin è proprio quella di poter tornare in pista subito, in modo da poter dimenticare in fretta la cocente delusione di Mandalika, che anche dal punto di vista psicologico può fare la sua parte.

Tuttavia, il Gran Premio d’Australia pare essere a rischio per un motivo clamoroso, ovvero alcuni ritardi che stanno emergendo proprio in queste ore. Dopo i problemi con i visti in India, il Motomondiale deve affrontare un’altra emergenza, dando prova che sul fronte dell’organizzazione generale ci sia assolutamente qualcosa da rivedere. Ecco cosa sta succedendo.

MotoGP, allarme in vista del GP d’Australia

Secondo quanto riportato da “Speedweek.com“, ci sarebbero dei seri problemi in vista del GP d’Australia di MotoGP, con le prime prove libere che scatteranno tra poche ore. L’apertura del paddock è stata infatti rimandata di quasi un giorno intero, per via del grande ritardo di un aereo cargo che trasporta merci e materiali fondamentali per le varie squadre, con gli addetti che saranno chiamati ad una corsa contro il tempo per montare le attrezzature.

Pecco Bagnaia vuole scappare nel mondiale
Pecco Bagnaia festeggia a Mandalika (ANSA) – Allaguida.it

Anche in Argentina c’erano stati problemi di questo tipo, ed in un caso vennero addirittura cancellate delle sessioni di prove libere. Secondo ciò che è emerso in queste ore, non sono al momento previsti dei ritardi per il via delle sessioni di prove libere, che sono in programma nella notte italiana tra giovedì e venerdì, e tutti sperano che i carichi arrivino in tempo utile.

Per quanto riguarda i tifosi europei, il GP d’Australia è sicuramente il più impegnativo da seguire. Pensate che il via della gara domenicale è previsto per le 05:00 ora italiana, ma è chiaro che in Australia sarà pieno pomeriggio e non si potrebbe fare molto di meglio. Vi terremo aggiornati su quelli che saranno eventuali cambiamenti dell’ultima ora, per un week-end che non parte di certo sotto i migliori auspici.

Impostazioni privacy