Auto aziendali, tasse più alte dal 2021: anche fino al 60%

Contrariamente a quanto ci si aspettava dalla nuova Legge di Bilancio, ci sarà un ulteriore rialzo della tassazione per le auto aziendali

auto aziendali

Foto Pixabay | Free Photos

Nonostante la pioggia di incentivi in arrivo a favore dei veicoli elettrici, la Manovra 2021 non risolve il problema della tassazione del “fringe benefit“, ovvero “beneficio accessorio”, di chi possiede un’auto aziendale. Contrariamente a quanto ci si aspettava dalla nuova Legge di Bilancio per il 2021, ci sarà un ulteriore rialzo della tassazione per questa categoria di automobili a carico dei lavoratori.

Auto aziendali: come si calcola la tassa

Le auto aziendali, che appartengono alla cosiddetta categoria dei “fringe benefit”, corrispondono a un emolumento riportato in busta paga, in aggiunta alla retribuzione. In quanto tali, le auto aziendali prevedono una tassa a carico del lavoratore. Ma come viene calcolata? Ogni anno l’Aci fissa un costo chilometrico a seconda del modello, che viene poi attribuito al lavoratore in percentuale, rispetto a quanto l’auto viene utilizzata per uso privato. In sostanza, la percentuale indica quanti chilometri vengono percorsi durante l’anno con quel veicolo per motivi personali e dunque sottoponibili a tassazione.

Addio alla tassa del 30%

Fino al 1 luglio 2020, la tassa a carico del dipendente era del 30%. Successivamente la tassa ha subito alcune variazioni in base alle emissioni di anidride carbonica, con una riduzione al 25% per le auto con CO2 fra 0 e 60 g/km, invariabile al 30% per quelle con CO2 fra 61 e 160 g/km, e un rialzo al 40% per quelle fra 161 e 190 g/km e al 50% per quelle con più di 190 g/km.

Tasse più alte in base alle emissioni

Con il nuovo anno, le variabili subiranno ulteriori cambiamenti, con un rialzo dal 40% al 50% per le automobili con emissioni fra 161 e 190 g/km, mentre quelle con più di 190 g/km, che attualmente sono tassate al 50%, subiranno un rialzo al 60%. La quota di imponibile rimane invece invariata per le auto nelle prime due fasce.

I cambiamenti di fascia del 2021

Ma non è tutto: dal 1° gennaio scatta la procedura di omologazione europea Wltp, che prevede una serie di test su consumi ed emissioni più vicini all’uso reale rispetto alla precedente Nedc. Dal momento che i test introdotti con la Wltp faranno aumentare le emissioni di anidride carbonica, è probabile che diverse automobili passeranno di categoria da un giorno all’altro, con un possibile aumento della tassazione.

Parole di Linda Pedraglio

Mi chiamo Linda Pedraglio. Sono nata e cresciuta in un piccolo paese vicino al lago di Como, ma, fra studio e lavoro, ho avuto modo di vivere città diverse: l’Erasmus a Helsinki, gli anni dell’università a Milano, il corso di giornalismo a Firenze. Sogno una piccola casa sul lago, piena di libri, che sono il mio affaccio sul mondo, e un orto di pomodori e peperoncini. Attualmente, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection, dove mi occupo di donne, salute e benessere, con qualche incursione nel percorso di emancipazione femminile.