Auto che usciranno fuori produzione, i modelli che diranno addio nel 2022

Con l'arrivo del nuovo anno sono diversi i modelli pronti ad andare in pensione: da Smart ForFour a Ford Mondeo, ecco i più importanti

Honda NSX

Honda NSX - Foto credits Honda press

Il nuovo anno, come di consueto, porta con sé diverse novità ma anche qualche addio. Le case automobilistiche, come consuetudine, rinnoveranno il proprio parco auto con il lancio di nuovi modelli e a fargli spazio, in molti casi, sono modelli che hanno la storia dell’auto e che andranno in pensione. Ma quali sono le auto che usciranno fuori produzione in questo 2022? Ecco alcuni dei modelli più importanti che saluteranno nel corso dell’anno.

Smart ForFour

Smart ForFour
Smart ForFour – Foto credits Daimler press

Una delle auto che usciranno fuori produzione è Smart ForFour, versione a quattro posti della famosissima sorella biposto. Il modello elettrico della citycar costruita in joint venture con la Renault – tanto da condividere lo stesso pianale della Twingo – che non sarà infatti più prodotta. Lanciata nel 2017, Smart EQ ForFour ha ricevuto un restyling nel 2019. Adesso, però, con l’arrivo del nuovo anno la vettura uscirà fuori produzione in attesa della della versione di serie della Smart Concept#1.

Lotus Exige, Elise ed Evora

Elise, Exige ed Evora
Elise, Exige ed Evora – Foto credits Lotus media

Quella che avverrà in casa Lotus sarà una vera e propria rivoluzione. A salutare, infatti, saranno ben 3 modelli storici come Exige, Elise ed Evora; le tre vetture, quindi, andranno in pensione per lasciare spazio alla nuova Emira, la sportiva di casa Lotus, che sarà affiancata dall’hypercar Evija e Type 132. Auto storiche che, nel corso della loro carriera, hanno permesso alla casa inglese di immatricolare ben 51.738 tra Elise, Exige ed Evora.

Ford Mondeo

Ford Mondeo
Ford Mondeo – Foto credits Ford media

La Ford Mondeo è stata una delle auto di maggior successo della casa dell’Ovale ma, nel 2022, cesserà la sua attività. Lanciata nel 1993, è stata la prima vettura Ford a essere presentata come un’auto globale, destinata a sostituire un certo numero di modelli Ford in tutto il mondo. Dal suo lancio in Europa, quando ha preso il posto della Ford Sierra, le vendite di Mondeo hanno raggiunto circa cinque milioni di unità. Una scalata di successo che terminerà però in questo anno per lasciare spazio alle novità targate Ford.

Citroen C1 e Peugeot 208

Citycar economiche, i modelli che costano meno sul mercato 2020
Citroen C1 – Foto Citroen Press

Diranno addio anche due vetture figlie dello stesso progetto. Citroen C1 e Peugeot 208, citycar dal progetto condiviso tra i due produttori francesi, saluteranno infatti il mercato per lasciare spazio ai nuovi arrivi. Le piccole di casa Citroen e Peugeot, quindi, con l’arrivo del 2022 sono destinate a sparire con buona pace dei tanti affezionati che vedevano in loro due valide alternative per muoversi agevolmente nel traffico cittadino.

Dacia Lodgy

Dacia Lodgy
Dacia Lodgy – Foto credits Renault media

Neanche un’auto di successo come Dacia Lodgy sfugge alle logiche del mercato; e infatti la multispazio economica del produttore romeno verrà sostituita dalla nuova Dacia Jogger, un nuovo concetto di auto dal prezzo contenuto e dal design più in linea con i tempi che prenderà il posto d Lodgy, pronta ad andare in pensione dopo anni di onorata carriera.

McLaren 570S

McLaren 570S
McLaren 570S – Foto credits McLaren press

Neanche le supercar resistono allo scorrere del tempo. Il 2022, infatti, sarà l’anno nel quale gli appassionati diranno addio alla McLaren 570S, modello non troppo apprezzato nel Vecchio Continente nonostante prestazioni eccellenti e una design decisamente accattivante. Insieme a lei anche McLaren 600 T sparirà dal mercato per essere sostituite da McLaren Gt e soprattutto Artura.

Honda NSX

Honda NSX
Honda NSX – Foto credits Honda press

Honda NSX, rappresenta, per gli appassionati di tutto il mondo, un pezzo di storia della casa giapponese. Come tutte le auto, però, anche per lei il tempo scorre inesorabile tanto da convincere i vertici del colosso nipponico a farla uscire fuori produzione a causa del poco apprezzamento dei clienti europei, al contrario di quelli asiatici e americani che invece potranno continuare ad acquistarla nella nuova versione a tiratura limitata.

Parole di Matteo Vana

Laureato in Editoria e Giornalismo, ha iniziato a muovere i primi passi con calcio e motori, due passioni delle quali ha fatto un lavoro. Pubblicista dal 2014, ama lo sport, i viaggi e i fumetti