Auto d'estate, come proteggerla dal sole

Durante l'estate, specialmente se in sosta sotto al sole, l'auto può diventare incandescente: ecco come fare per proteggerla

Auto d’estate, come proteggerla dal sole

Foto Shutterstock | di Syda Productions

L’auto d’estate rischia di diventare un vero e proprio forno. Proteggere il parabrezza dal sole contenendo così il calore all’interno dell’abitacolo diventa infatti fondamentale, specialmente durante le lunghe soste sotto il sole o durante le proprie vacanze in auto.

Ma come fare per cercare di contenere la temperatura proteggendo la propria vettura dai raggi solari? Tra i consigli più utili c’è senza dubbio quello di utilizzare per il parabrezza un telo parasole riflettente, che scherma i raggi solari, evitando così che componenti in pelle o plastica si secchino, screpolino o scoloriscano, oltre a diventare incandescenti. Per finestrini laterali posteriori o lunotto, invece, si può applicare una pellicola oscurante.

Come evitare “l’effetto forno” in auto

Quando possibile, inoltre, è meglio offrire al sole il posteriore dell’auto, invece della parte anteriore. In questo modo si proteggerà dall’esposizione diretta ai raggi solari buona parte dell’abitacolo limitando l’innalzamento della temperatura interna. In casi estremi, invece, si può optare per un telo coprente.

Per non rovinare la vernice, poi, è bene non lavare l’auto dopo una lunga esposizione al sole mentre per evitare “l’effetto forno” la mossa ideale è quella di spostare l’auto all’ombra, abbassare i finestrini o aprire le portiere, lasciando defluire l’aria calda in cambio della cosiddetta temperatura ambiente. Solo a quel punto, e gradualmente, accendere l’aria condizionata per evitare di “sprecarla”

Parole di Matteo Vana

Laureato in Editoria e Giornalismo, ha iniziato a muovere i primi passi con calcio e motori, due passioni delle quali ha fatto un lavoro. Pubblicista dal 2014, ama lo sport, i viaggi e i fumetti