Cambio auto, gli italiani ne hanno 5 in una vita e aumenta il noleggio delle elettriche

Il 15% degli automobilisti cambia l’auto ogni 5-6 anni e il 12,5% ogni 7-8 anni, mentre il 19% lo fa non prima che siano trascorsi almeno 10 anni

cambio auto

In tutta la loro vita gli italiani di media cambiano 5 auto. Più nel dettaglio una ogni sette anni e mezzo. Questo il dato emerso in sintesi da una indagine commissionata da Facile.it e MiaCar agli istituti di ricerca mUp Research e Norstat. Un cambio auto quanto mai metodico.

In quanto tra le principali motivazioni che spingono gli automobilisti italiani a cambiare la propria auto, è l’età avanzata del mezzo che si possiede, non a caso il 55% dei rispondenti ha dichiarato di cambiare la propria auto solo quando questa diventa vecchia.

Il 36% degli intervistati, invece, ha spiegato di aver sostituito l’auto perché la precedente aveva fatto troppi chilometri, mentre il 25,6% dei rispondenti lo ha fatto perché non era più adatta alle esigenze familiari. 

Cambio auto più frequente per gli uomini

Dalla ricerca emerge che, a livello nazionale, il 15% degli automobilisti dispone un cambio auto ogni 5-6 anni e il 12,5% ogni 7-8 anni, il 5,3% dei rispondenti, ancora, ha dichiarato di sostituire la propria vettura con maggior frequenza (al massimo ogni 2 anni), mentre il 19% lo fa non prima che siano trascorsi almeno 10 anni.

Gli uomini, effettuano il cambio auto ogni 6 anni e mezzo, più frequentemente rispetto alle donne che invece tendono a sostituire il proprio veicolo solo dopo 8 anni e mezzo.

A livello territoriale, invece, emerge che gli automobilisti residenti nel nord Italia cambiano l’auto più spesso, in media, prima del settimo compleanno, mentre al sud e nelle Isole ogni 7 anni e mezzo e nel centro Italia addirittura ogni 8 anni e 3 mesi.

Avanza il noleggio delle elettriche

E se il cambio auto ha un suo iter definito a proliferare sempre più è il noleggio a lungo termine. Ma non solo. Questo tipo di servizio è sempre più orientato verso le nuove formule di mobilità. A luglio è infatti boom di richieste per le auto ibride ed elettriche. Circa il 45% riguardano questa categoria di veicoli.

In particolare la più richiesta tra le ibride è stata la Mini Countryman. E nei primi sei mesi del 2021 rispetto allo stesso periodo del 2020 si registra un allargamento della platea dei consumatori con una crescita della presenza dei giovani e delle donne e utenti sempre più incuriositi dalle nuove formule di mobilità.

Foto di Tumisu da Pixabay

Parole di Riccardo Mantica

Nell’editoria online dal 2001 quando scrivere per il web era una chimera. Pubblicista dal 2005, blogger per caso nel 2010, ha vissuto l’avvento del web 2.0 e dei social network condividendone gioie e dolori. Le passioni coltivate negli anni per sport, motori e tecnologia sfociano oggi anche nel panorama della mobilità sostenibile. Il motto preferito? Guardare sempre avanti senza dimenticare il passato. Stay tuned!