Ferrari 296 GT3, collaudo a Fiorano per la sportiva del Cavallino

La nuova vettura del Cavallino per il mondiale GT ha percorso i primi giri a Fiorano, utile per collaudare il mezzo in vista del debutto nel 2023

Ferrari 296 GT3 a Fiorano

Ferrari 296 GT3 a Fiorano - Foto credits Ferrari media

La Ferrari 296 GT3, chiamata a raccogliere l’eredità della 488 GT3, la vettura più vincente nella storia Ferrari con 107 titoli dalla gara di esordio e 429 vittorie su 770 partenze, scende in pista: la vettura del Cavallino, che nel 2023 esordirà nelle competizioni GT. è infatti scesa in pista a Fiorano per una due giorni di collaudi proprio per testare le capacità della nuova vettura sullo storico tracciato di proprietà della Ferrari.

Primi giri per la nuova sportiva di Maranello

La nuova vettura destinata dal Cavallino Rampante alle competizioni GT, ha accumulato i primi chilometri fornendo utili indicazioni ai tecnici e agli ingegneri. Il programma si è svolto senza problemi, alternando run di pochi giri ad altri caratterizzati da sequenze più lunghe, intervallati dalle verifiche di rito ai box. Al volante anche in questa giornata il due volte campione del mondo Alessandro Pier Guidi e Andrea Bertolini. Alle prove ha assistito anche il Chief Executive Officer di Ferrari, Benedetto Vigna che, nel pomeriggio, ha voluto vedere la Ferrari 296 GT3, intrattenendosi con lo staff di Competizioni GT e i piloti.

Parole di Matteo Vana

Laureato in Editoria e Giornalismo, ha iniziato a muovere i primi passi con calcio e motori, due passioni delle quali ha fatto un lavoro. Pubblicista dal 2014, ama lo sport, i viaggi e i fumetti