Ford Fiesta EcoBoost Hybrid, la berlina compatta entra nel team delle auto green

L'Ovale Blu introduce la versione ibrida leggera del suo best seller nel segmento B, aggiungendo anche alla gamma maggiore sicurezza e una connettività rivista

Ford Fiesta EcoBoost Hybrid

La squadra delle auto green di Ford aggiunge un’ulteriore tassello con l’arrivo di Ford Fiesta EcoBoost Hybrid. Il modello dell’Ovale Blu più venduto in Europa gioverà della tecnologia Mild-Hybrid da 48 volt introdotta insieme a nuove sofisticate tecnologie di assistenza alla guida, tra cui l’Adaptive Cruise Contrai con Stop&Go e Speed Sign Recognition, per affrontare al meglio il traffico, urbano ed extra urbano.

Introdotta per la prima volta sul crossover Puma alla fine del 2019, la tecnologia ibrida soft coinvolgerà entro la fine del 2021 tutti i modelli Ford, con complessivi 18 modelli elettrificati. Disponibile con potenza da 125 CV, Fiesta EcoBoost Hybrid sfrutta il motore a benzina 1.0 EcoBoost 3 cilindri con un sistema di starter/generator (BISG) azionato da una cinghia da 11,5 kW, che sostituisce l’alternatore standard, consentendo il recupero e lo stoccaggio di energia durante le decelerazioni del veicolo e la ricarica di un pacco batteria di ioni-litio da 48 volt, raffreddato ad aria.

Lo starter/generator funge anche da motore, integrandosi perfettamente con il motore a tre cilindri, utilizza l’energia accumulata per fornire assistenza alla coppia elettrica del motore durante la guida e l’accelerazione normale, oltre a far funzionare le componenti elettriche del veicolo. Vale 24 Nm la modalità di funzionamento con lo starter-generatore alimentato dalla batteria agli ioni di litio. Viceversa, sono 20 Nm quelli in supplemento di coppia, quindi sommandosi all’erogazione del tre cilindri benzina, così da arrivare a un valore massimo di 240 Nm nella proposta Fiesta EcoBoost Hybrid 125 cavalli.

Ford Fiesta EcoBoost Hybrid, c’è l’automatico a 7 rapporti

Il motore 1.0 EcoBoost da 125 CV di Fiesta è disponibile anche in abbinamento a un nuovo cambio automatico a doppia frizione a 7 rapporti, che offre cambi di marcia più fluidi e miglioramenti nei consumi fino al 15% rispetto al precedente 1.0 EcoBoost da 100 CV con cambio automatico a sei rapporti (NEDC), nonostante sia in grado di offrire il 25% in più di potenza. Inoltre, è disponibile una versione diesel per Ford Fiesta, il 1.5 EcoBlue da 85 CV.

Tre cilindri con sistema di disattivazione

Sia Fiesta EcoBoost Hybrid che i propulsori tradizionali a benzina, disponibili con potenze da 95 CV e125 CV, sono dotati della tecnologia di disattivazione dei cilindri, che può arrestare automaticamente uno dei cilindri quando non è necessaria la piena capacità del motore. La procedura di disattivazione consente di disinnestare o reinnestare un cilindro in 14 millisecondi, 20 volte più velocemente di un battito di ciglia senza compromessi in termini di prestazioni o precisione.

Maggiore tecnologia e SYNC 3 aggiornato

Ford Fiesta oltre ad aggiungere la motorizzazione elettrica mette il carico con tecnologie introdotte per la prima volta ad offrire un’epserienza di guida più precisa e connessa. Parliamo quindi dell’Adaptive Cruise Control con Stop&Go e Speed Sign Recognition. Questo a supportare l’automobile nel mantenimento della distanza di sicurezza dai veicoli che precedono, riducendo lo stress durante i lunghi viaggi e regolando la velocità entro i limiti monitorando i segnali stradali.

E quindi della funzionalità che Stop&Go, disponibile con il cambio automatico a doppia frizione a 7 rapporti, che consente al sistema ACC di arrestare completamente il veicolo nella fase di partenza-arresto utilizzando fino al 50% della forza frenante totale e la rimette in marcia automaticamente se la durata dell’arresto è inferiore ai 3 secondi. In caso di arresto superiore ai 3 secondi, il conducente può premere il pulsante al volante o applicare delicatamente l’acceleratore. Lato infotainment il SYNC 3 è stato aggiornato per essere più intuitivo e più facile da usare, con una nuova interfaccia utente che presenta pulsanti più grandi, visualizzati sul touchscreen a colori da 8″. La compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto rimane inclusa gratuitamente.

Parole di Riccardo Mantica

Nell’editoria online dal 2001 quando scrivere per il web era una chimera. Pubblicista dal 2005, blogger per caso nel 2010, ha vissuto l’avvento del web 2.0 e dei social network condividendone gioie e dolori. Le passioni coltivate negli anni per sport, motori e tecnologia sfociano oggi anche nel panorama della mobilità sostenibile. Il motto preferito? Guardare sempre avanti senza dimenticare il passato. Stay tuned!