Guerra Russia-Ucraina, le conseguenze sulle case auto

Il conflitto tra i due stati sta avendo conseguenze in tutti gli ambiti, auto comprese: ecco la situazione

Auto Volvo in fabbrica

Auto Volvo in fabbrica - Foto credits Volvo media

La guerra tra Russia e Ucraina non accenna a fermarsi. Le conseguenze del conflitto si fanno sentire in ogni ambito – carburanti compresi con aumenti straordinari – e quello automobilistico non è da meno tanto che sono diversi i marchi automobilistici già alle prese con diverse problematiche legate al conflitto. Volkswagen, solo per citarne una, è stata costretta a interrompere la produzione, ricorrendo alla cassa integrazione, negli stabilimenti di Zwickau e Dresda per mancanza di cavi elettrici. Di conseguenza anche Audi e Cupra non vedranno per qualche giorno attiva la produzione delle loro auto elettriche Q4 e-tron e Born con Volkswagen che rinuncerà a ID.3, ID.4 e ID.5 fino a nuova soluzione.

Molte case verso il blocco delle consegne in Russia

Anche Volvo, così come Volkswagen, hanno poi deciso di aderire alle sanzioni inflitte alla Russia bloccando tutte le consegne dei veicoli ai concessionari russi. Anche Daimler Truck ha interrotto il suo business in Russia con effetto immediato, includendo nel blocco delle operazioni anche la collaborazione con il marchio russo Kamaz mentre nei prossimi giorni sono attesi provvedimenti simili anche da altri gruppi che potrebbero seguire la scia dando così un segnale forte anche da parte del mondo automobilistico.

Parole di Matteo Vana

Laureato in Editoria e Giornalismo, ha iniziato a muovere i primi passi con calcio e motori, due passioni delle quali ha fatto un lavoro. Pubblicista dal 2014, ama lo sport, i viaggi e i fumetti