Lamborghini Huracan Tecnica, divertimento all’insegna di lifestyle e performance

Bolide a trazione posteriore con 30 CV in più rispetto alla Huracan EVO, coniuga performance di guida in strada e su pista

Lamborghini Huracan Tecnica

Fonte Lamborghini

Una supercar ancora più “Tecnica”. Una Huracan definita più perfetta. Connessione tra il conducente, la vettura e l’asfalto. Si presenta così Lamborghini Huracan Tecnica. Con un design profondamente rivoluzionato e con il sistema LDVI (Lamborghini Dinamica Veicolo Integrata) e calibrazione specifica della modalità di guida, per offrire versatilità su strada e in pista.

Huracan Tecnica rappresenta un’innovazione del modello Huracan tanto nell’aspetto esteriore quanto per ciò che si cela sotto al cofano, con linee che ne sottolineano i miglioramenti aerodinamici volti a potenziare le prestazioni, la stabilità e la facilità d’uso, soprattutto su pista.

Con lo stesso motore della Huracán STO e un incremento di 30 CV rispetto alla Huracán EVO a trazione posteriore (RWD), il gruppo propulsore sprigiona una coppia pari a 565 Nm, 640 CV, a un regime massimo di 6.500 giri/min e garantisce un’accelerazione migliorata da 0 a 100 km/h in 3,2 secondi

Grazie al sistema LDVI ricalibrato e alle modalità di guida tarate con precisione con configurazione specifica delle sospensioni, al sistema a ruote posteriori sterzanti diretto e agli innovativi miglioramenti nel raffreddamento dei freni, la Huracán è perfetta per ogni occasione.

I pregi di Huracan Tecnica coniugano il meglio di due mondi, dando vita a una supersportiva estremamente versatile sia su strada che su pista.

Lamborghini Huracan Tecnica, anima ingegneristica

Lamborghini Huracan Tecnica vista alta

Grazie a un peso a secco di 1.379 kg, la Tecnica vanta un rapporto peso-potenza di 2,15 kg/CV. Alla potenza incrementata corrisponde un motore con un suono più possente e nitido ai massimi regimi, mentre all’interno dell’abitacolo la Tecnica assicura un maggiore comfort acustico.

Come anticipato, il cuore di questa Huracán è il sistema LDVI (Lamborghini Dinamica Veicolo Integrata), che controlla ogni aspetto del comportamento dinamico della vettura integrando sistemi e configurazioni per garantire un precontrollo in logica “feed-forward” sostanzialmente in tempo reale, per assicurare una dinamica di guida perfetta.

Questa vettura a trazione posteriore integra un sistema a ruote posteriori sterzanti con un rapporto di sterzata diretto e ripartizione della coppia, insieme al Performance Traction Control System (P-TCS) modificato e a una configurazione specifica delle sospensioni.

In base alla modalità di guida selezionata – STRADA, SPORT o CORSA – ciascun sistema è calibrato per offrire una risposta altamente differenziata in ogni ambiente.

Tre modalità di guida per essere competitivi

Lamborghini Huracan Tecnica mdalità di guida

In modalità STRADA, il sistema a ruote posteriori sterzanti assicura stabilità e manovrabilità, cui contribuiscono anche ripartizione della coppia e P-TCS. Sia il motore sia il cambio sono tarati in modo tale da garantire una guida confortevole per l’uso quotidiano, in qualsiasi condizione.

Selezionando la modalità SPORT, il massimo divertimento alla guida è assicurato dal sovrasterzo grazie al bilanciamento dell’azione delle ruote posteriori sterzanti e del P-TCS, mentre la ripartizione della coppia rende la Tecnica agile e reattiva. Basta sfiorare l’acceleratore per innescare l’immediata risposta del gruppo propulsore.

La modalità CORSA risveglia lo spirito competitivo della vettura e di chi la guida. La Tecnica risponde con estrema precisione a ogni input del conducente, mentre il suo talento per la pista si manifesta in tutta la sua intensità nel rombo del motore Lamborghini ad aspirazione naturale.

Il gruppo propulsore è calibrato per offrire una risposta dell’acceleratore ottimizzata per la pista e cambiate rapidissime, mentre il sistema LDVI controlla tutti gli impianti e le funzioni per assicurare alla Tecnica la massima precisione e agilità, incluse la massima aderenza laterale e longitudinale garantite, rispettivamente, da ripartizione della coppia e P-TCS.

Lamborghini Huracan Tecnica impianto freni

Performance accompagnate da una nuova gestione del raffreddamento dei freni, ispirata all’esperienza racing di Lamborghini, che assicura prestazioni di frenata migliorate e costanti sia in strada sia in pista.

I freni carboceramici della Lamborghini Huracan Tecnica sfruttano condotti delle pinze e i deflettori di raffreddamento progettati ad hoc, che convogliano il flusso d’aria nei dischi per massimizzare la dissipazione del calore e ridurre la temperatura del liquido freni e l’estensione del pedale del freno. La riduzione della temperatura dei dischi contribuisce anche a limitare il consumo delle pastiglie.

Lamborghini Huracan Tecnica, design ispirato all’aerodinamica

Lamborghini Huracan Tecnica anteriore

Il design di Huracan Tecnica è profondamente rivisitato, con la combinazione di soluzioni ingegneristiche che la rendono iconica supersportiva lifestyle e vettura pensata per la pista.

Il design rivisitato conferisce alla Tecnica un carattere più deciso, quasi rapace. Un profilo anteriore potente e dalle linee convergenti sostenuto da spalle muscolose si abbina a un cofano leggero, interamente in fibra di carbonio.

Un nuovo paraurti che mutua il design a Y della Terzo Millennio integra per la prima volta un air curtain su un modello Huracán.

Il nuovo splitter anteriore, con lamelle aperte e più basse, che convogliano l’aria attraverso le ruote, contribuisce a migliorare la deportanza e il raffreddamento. Il nero alla base del parabrezza accentua l’impressione di leggerezza.

Lamborghini Huracan Tecnica profilo

Con 6,1 cm di lunghezza in più rispetto alla Huracán EVO, pur avendo la stessa altezza e larghezza, appare più bassa e più ampia, con una silhouette ispirata alle linee dei cristalli in stile Daylight Opening della Essenza SCV12.

Inoltre le sue linee rimodellate, che includono un nuovo lunotto posteriore verticale, offrono una migliore visibilità, mentre il cofano motore riprogettato e in fibra di carbonio leggera rende onore al cuore V10 della Tecnica. 

Lamborghini Huracan Tecnica posteriore

L’alettone posteriore fisso completa il profilo unico di Tecnica, mentre il suo design aerodinamico contribuisce in modo sostanziale a migliorare del 35% la deportanza posteriore rispetto a Huracan EVO RWD senza aumentare la resistenza aerodinamica, che anzi risulta ridotta del 20%, con un miglioramento dell’equilibrio aerodinamico, maggiore stabilità in frenata e più velocità in curva.

Anche il sottoscocca di Tecnica è stato ottimizzato grazie a nuovi deflettori aerodinamici che ne accrescono l’efficienza aerodinamica. I nuovi cerchi, Damiso, con taglio a diamante da 20’’, ispirati alla Lamborghini Vision GT, presentano un design esagonale e montano pneumatici Bridgestone Potenza Sport. 

Interni che traducono i desideri del conducente in realtà

Lamborghini Huracan Tecnica interni

All’interno, i sedili sportivi ad altezza regolabile consentono a chi siede al volante di sentirsi un tutt’uno con l’abitacolo. Le opzioni disponibili includono porte conin fibra di carbonio, bulloni delle ruote in titanio leggero e apposite cinture di sicurezza a 4 punti per chi la utilizza prevalentemente in pista.

La Tecnica dispone infine di una esclusiva e sofisticata interfaccia HMI riprogettata. Il quadro strumenti riduce i colori e pone l’accento sulla leggibilità grazie a un nuovo ampio “arco” che si apre davanti al conducente.

Lamborghini Huracan Tecnica dettaglio infotainment

Lo schermo del tunnel centrale consente agli occupanti di accedere a tutti gli elementi che assicurano il divertimento alla guida, incluse le funzioni LDVI visualizzate in tempo reale e tutte le funzioni di connettività, come Apple CarPlay, Android Auto e Amazon Alexa.

Traendo ispirazione dalla Huracan STO, l’HMI include un sistema di telemetria connessa e diari di bordo che registrano destinazioni e tempi in pista, connessi all’app UNICA.

Prezzo non ancora dichiarato ma non dovrebbe superare i 250 mila euro.

Parole di Riccardo Mantica

Nell’editoria online dal 2001 quando scrivere per il web era una chimera. Pubblicista dal 2005, blogger per caso nel 2010, ha vissuto l’avvento del web 2.0 e dei social network condividendone gioie e dolori. Le passioni coltivate negli anni per sport, motori e tecnologia sfociano oggi anche nel panorama della mobilità sostenibile. Il motto preferito? Guardare sempre avanti senza dimenticare il passato. Stay tuned!