Lotus Evija Fittipaldi, l'auto che omaggia il campione di F1

La casa inglese ha deciso di realizzare un'esclusivissima serie in appena otto esemplari dedicati al campione di Formula 1

Lotus Evija Fittipaldi

Lotus Evija Fittipaldi - Foto credits Lotus media

Lotus Evija rappresenta, al momento, una delle auto sportive più esclusive in circolazione. Nonostante questo, però, la casa inglese ha deciso di creare una serie speciale dedicata a Emerson Fittipaldi, leggendario pilota brasiliano che ha partecipato al campionato di Formula 1 proprio al volante della Lotus fino al 1973.

Un modo per rendere omaggio al brasiliano: e non è un caso che il marchio abbia annunciato il lancio di questa serie ultra-limitata a soli 8 esemplari della hypercar nell’anno del 50° anniversario della vittoria del campionato del mondo di Formula Uno di Fittipaldi.

Otto esemplare per rendere onore al mito

La speciale serie di Lotus Evija Fittipaldi vanta una livrea nera e dorata dipinta a mano, che ricorda quella della famosa monoposto da corsa Lotus Type 72, ma presenta anche molte altre caratteristiche di design uniche come le pinze dei freni rifinite in nero e oro, decalcomanie sulla carrozzeria che celebrano la vittoria del titolo di cinquanta anni fa o il numero “8” stampato sul montante B, lo stesso utilizzato sull’auto di Fittipaldi durante la stagione di Formula Uno del 1972.

Lotus Evija Fittipaldi
Lotus Evija Fittipaldi – Foto credits Lotus media

Le novità, però, non finiscono con gli esterni ma proseguono anche all’interno dell’abitacolo, dove spiccano rivestimenti in pelle nera e cuciture dorate, la stessa tinta che contraddistingue i bordi delle prese d’aria, del pulsante di avviamento “start-stop” e dei pedali. Il quadrante rotante presente sul cruscotto centrale flottante, inoltre, è stato realizzato a mano con alluminio riciclato della Type 72, rendendo così ognuna delle otto auto che entrerà in produzione speciale avendo al proprio interno un pezzo di storia della Formula 1.

Parole di Matteo Vana

Laureato in Editoria e Giornalismo, ha iniziato a muovere i primi passi con calcio e motori, due passioni delle quali ha fatto un lavoro. Pubblicista dal 2014, ama lo sport, i viaggi e i fumetti