Maserati MC20 Cielo, la super sportiva è anche spyder

Equipaggiata con il rivoluzionario motore V6 Nettuno, portato al debutto su MC20 nel 2020, MC20 Cielo offre un perfetto mix di sportività e lusso grazie ad un dettaglio unico nel segmento, l’innovativo tetto in vetro retrattile.

Maserati MC20 Cielo Spyder

Per Maserati quella delle spyder è una storia che risale al 1952. Con la A6G 2000, nata dall’operato della carrozzeria Frua e sorella della vettura sportiva presentata nel 1950 in sostituzione della A6 1500. Dove il numero “2000” indicava la cilindrata, la lettera “A” stava per Alfieri, fondatore della società, il “6” indicava il numero di cilindri e la lettera “G” sta per ghisa. E ora nel 2022, la Maserati MC20 Cielo è il presente ed è pronta a raccogliere il testimone della tradizione Maserati e a coniugare ancora una volta stile e sportività secondo il DNA unico del Brand.

Maserati MC20 Cielo si distingue per il tetto elettrico retrattile in vetro, come massima espressione di tecnologia con la versione di lancio di caratterizzata da un nuovo colore tri-strato denominato Acquamarina, disponibile all’interno del programma di personalizzazione Maserati Fuoriserie.

A cielo aperto con un touch

Maserati MC20 Cielo tetto retrattile

MC20 Cielo è l’unica nella sua classe ad avere di serie un tetto in vetro completamente retraibile senza influire sullo spazio di carico a disposizione. Per azionarlo basta toccare un tasto touch sullo schermo centrale: in soli 12” la super sportiva si trasforma, aprendo o chiudendo il suo tetto.
Un altro tocco su un altro tasto touch e il vetro da trasparente diventa opaco o viceversa. Grazie ad all’avanzata tecnologia PDLC (Polymer Dispersed Liquid Crystal), il cambio di trasparenza avviene in un attimo e funziona praticamente a tutte le temperature, da –30°C to +85°C.
Il dispositivo realizzato da Maserati in partnership con Webasto garantisce anche una perfetta tenuta termica e una rumorosità interna ridotta, diventando così benchmark in un segmento dove spesso sono proposti tetti retrattili in tela o lamiera.

Un colore dedicato per Maserati MC20 Cielo

Per Maserati MC20 Cielo, è stato studiato un nuovo colore chiamato Acquamarina e disponibile all’interno del programma di personalizzazione Maserati Fuoriserie.
Il concetto che ha guidato la scelta di questa speciale vernice tri-strato è stato quello di portare una vettura così performante verso un orizzonte più contemporaneo, allo stesso tempo olistico e tecnologico, cromaticamente unico.

Si è cercato un colore che rendesse l’idea del viaggio con il vento nei capelli, all’aria aperta.  Una tonalità fresca, luminosa e leggera. Un colore cangiante, che interagisce con la luce, svelandosi in modo sorprendente.

La base è un grigio pastello di ispirazione racing, che richiama il DNA sportivo di MC20, al quale viene però accostata una mica cangiante acquamarina capace di rendere il colore vivo e outstanding.

A parte la tonalità di lancio MC20 Cielo sfrutta la palette di colori ideata per la coupé a cui è stato aggiunto il Grigio Incognito (un grigio pastello). In gamma ci sono così altri cinque colori: Bianco Audace, Giallo Genio, Rosso Vincente, Blu Infinito e Grigio Mistero.

Inoltre la nuova spyder di Maserati aggiunge alla gamma dei cerchi MC20 un nuovo cerchio in lega diamantato caratterizzato da un design ricercato, dove l’elemento chiave è la doppia XX, il numero romano che richiama il nome del veicolo e l’anno che ha segnato l’inizio di una “Nuova Era” di Maserati. Viene proposto come optional sia per la coupé sia per la spyder.
Sarà disponibile anche un cerchio in carbonio che garantisce un risparmio di peso di 30 kg rispetto alla versione standard.

Interni in puro stile Maserati

Maserati MC20 Cielo dettaglio interni

Maserati MC20 Cielo trasmette emozioni con la sua linea elegante, ma sportiva al tempo stesso, lasciando agli interni il ruolo di essere funzionali. Tutto è molto razionale, quasi minimalista con due schermi da 10”, uno per il cockpit, l’altro, il Maserati Touch Control Plus (MTC Plus MIA) in posizione centrale, leggermente inclinato verso il guidatore.

Il tunnel è molto semplice, senza alcuna decorazione superflua. Ci sono soltanto il selettore della modalità di guida, due pulsanti per le marce, gli alzacristalli e il comando del volume dell’infotainment e un piano d’appoggio con caricatore wireless per i telefonini. Tutti gli altri comandi sono sul volante con il pulsante di accensione a sinistra e il launch control a destra.

All’interno dell’abitacolo, anche se ad esser protagonista è la funzione di ogni elemento, è ben visibile la ricerca sulle fibre di carbonio che vuole raccontare l’incontro tra il mondo lifestyle e quello della performance e dell’ingegneria. Il carbonio degli interni è opaco e lascia spazio ad un’interpretazione più sartoriale e tessile.

Parlando del volante, quello di MC20, è studiato e progettato con l’aiuto di Andrea Bertolini, Maserati Reference Driver, già campione del Mondo con la MC12. Si è preferito un volante spesso per massimizzarne l’ergonomia e la sensazione sportiva. Sono presenti solo pulsanti e interruttori essenziali, inclusi il pulsante per lo Start e il Launch Control. 

I paddle shifter, fissati al piantone dello sterzo, di facile raggiungibilità e dimensioni generose, sono disponibili in alluminio scuro come configurazione standard e in fibra di carbonio insieme al pacchetto carbonio interno.

Il motore Nettuno

Maserati MC20 Cielo motore

Il motore è lo stesso rivoluzionario Nettuno che ha debuttato sulla versione coupé di Maserati MC20. Nettuno è il risultato di una vera e propria rivoluzione tecnologica, coperta da brevetti internazionali.
Un’operazione strategica per Maserati che, oggi, può offrire per la famiglia di supersportive, MC20 e MC20 Cielo, un progetto “100% Made in Modena”, a partire proprio dal motore, il cuore della nuova vettura.

Nettuno è un 6 cilindri a V di 90°, biturbo, 3.0L di cilindrata, carter secco (classica soluzione per le vetture supersportive) in grado di erogare 630 CV a 7500 giri/minuto e ben 730 Nm di coppia a partire da 3000 giri/minuto.  La potenza specifica è di 210 CV/litro.

L‘anima di questo motore è l’innovativo sistema di combustione a precamera con doppia candela di accensione, una tecnologia sviluppata per la Formula 1 e ora disponibile per la prima volta in un propulsore destinato ad equipaggiare una vettura stradale.

MC20 Cielo ha inoltre cinque modalità di guida: WET, GT, SPORT, CORSA ed ESC OFF. Ognuna è contraddistinta da un colore: Wet verde; GT Blu; SPORT Rosso; CORSA giallo, ESC Off arancione.

Le modalità di guida vengono selezionale ruotando il selettore per alcuni secondi. Ad esempio, il veicolo si avvia nella modalità predefinita GT. Per spostarsi da GT a Sport (a destra) o Wet (a sinistra) è necessario solo un movimento di mezzo secondo nella direzione della modalità desiderata. Quindi con una pressione di 2 secondi il guidatore può scegliere la modalità Corsa. Una volta selezionato il Drive Mode Corsa, attraverso lo schermo touch è possibile entrare in modalità ESC Off.

l cambio automatico è invece un Dual Clutch a bagno d’olio a 8 rapporti con 6 marce di potenza e due di overdrive per consentire le giuste emissioni.

La connettività di Maserati MC 20 Cielo

Maserati MC20 Cielo interni

MC20 Cielo è equipaggiata con il sistema multimedia di ultima generazione MIA (Maserati Intelligent Assistant). Il cuore del sistema sfrutta la potenza del sistema operativo Android Automotive che offre una User Experience innovativa e performante, personalizzabile seconde le preferenze d’utilizzo del conducente.

 Il sistema MIA ha due schermi all’interno dell’auto: il cluster digitale e il display centrale, di forma e dimensioni simili. Non troppo grandi e non troppo piccoli, si adattano perfettamente all’interno dell’abitacolo funzionale della MC20 Cielo: facilitano, infatti, il comfort di guida perché il guidatore non deve adattare gli occhi quando passa lo sguardo da uno schermo all’altro.
Il cluster è completamente digitale da 10,25 pollici con display TFT (Thin Film Transistor).

Il display centrale, anch’esso da 10,25 pollici, ha una Risoluzione HD e Funzionalità touch tipiche dei dispositivi smart screen personali. Lo schermo è fornito con uno speciale trattamento antiriflesso per garantire la massima visibilità anche alla luce diretta del sole.

Parole di Riccardo Mantica

Nell’editoria online dal 2001 quando scrivere per il web era una chimera. Pubblicista dal 2005, blogger per caso nel 2010, ha vissuto l’avvento del web 2.0 e dei social network condividendone gioie e dolori. Le passioni coltivate negli anni per sport, motori e tecnologia sfociano oggi anche nel panorama della mobilità sostenibile. Il motto preferito? Guardare sempre avanti senza dimenticare il passato. Stay tuned!