Mercato dell'auto in Italia: a luglio cresce l'elettrico ma crollano le vendite

Crisi, incentivi insufficienti e difficoltà a comprendere la necessità di una transizione ecologica hanno portato all'ennesimo calo netto delle vendite

mercato auto Italia luglio 2021

Foto Unsplash | Obi Onyeador

Per il mercato dell’auto continua a essere un periodo estremamente  difficile: la pandemia e le sue conseguenze economiche, non sufficientemente bilanciate dagli incentivi, hanno portato a registrare in Italia nel mese luglio un -19,4% per quanto riguarda le vendite rispetto allo stesso mese del 2020, quando erano state 136.768.

A diffondere i dati è stato il Ministero dei Trasporti, che ha inoltre segnalato che nel mese scorso sono state immatricolate solo 110.292 auto, per un totale di 995.239 dall’inizio dell’anno: +38% rispetto allo stesso periodo del 2020, ma -19,5% rispetto al 2019. La prospettiva è che a fine anno si registrino in relazione al periodo pre-pandemia -800 mila auto vendute 

Nonostante la ripresa a inizio anno, lo scorso mese c’è stato dunque un importante crollo delle immatricolazioni: secondo le associazioni di categoria la causa è la mancanza di un adeguato piano di bonus per l’acquisto di nuove vetture. Secondo l’Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri, nonostante il Parlamento abbia approvato i nuovi finanziamenti per gli incentivi, questi non sono sufficienti per attuare la necessaria transizione ecologica, archiviando automobili vecchie e inquinanti e stimolando quindi l’acquisto di nuove, riattivando di fatto il mercato dell’auto in Italia. Il rischio, spiegano, è che accada come è già successo nei mesi scorsi, ovvero che i fondi si esauriscono molto velocemente, portando all’ennesima frenata, come di fatto è accaduto a luglio. 

Ciò che servirebbe è un piano continuo a lungo termine, che permetta anche la pianificazione da parte delle famiglie italiane di un nuovo acquisto. A tutto questo si aggiunge anche l’urgente necessità di passare a veicoli sempre meno inquinanti per la sostenibilità ambientale: le case automobilistiche stanno puntando sempre più su veicoli ibridi o elettrici, ma gli automobilisti non avrebbero ancora le risorse adatte per adeguarsi su larga scala.

Mercato dell’auto: a luglio in Italia è cresciuta la percentuale di elettriche e ibride

Eppure qualcosa si muove: nonostante i dati negativi a livello generale, a luglio 2021 rispetto a luglio 2020 le auto elettriche plug in e ibride plug in hanno registrato rispettivamente vendite per un +217,68% (totale 5.086) e un +201% (6.315 ), dimostrando che chi sceglie di cambiare l’auto lo fa guardando verso il mondo eco

Sale quindi la quota di mercato dell’auto in Italia occupato da queste motorizzazioni: a luglio hanno rappresentato il 10,32% delle vendite; le elettriche plug in sono state il 4,6% mentre le ibride plug in il 5,7%, quando l’anno scorso rappresentavano invece solo il 1,17% e il 1,53%. Le auto ibride classiche invece sono state il 29,4% della quota di mercato, con una conseguente riduzione nel mese di luglio delle emissioni medie di CO2 che in Italia sono passate a 119 g/km rispetto ai 143 del 2019 (-16,6%).

Ovviamente, nonostante questa crescita positiva, le auto vendute sono state comunque poche: per quanto riguarda i veicoli più ecologici, nessun modello ha superato la soglia di mille. Il più venduto è comunque la 500 con 883 immatricolazioni, seguito dalla Twingo (629) e dalla e-Up della Volkswagen (374). Chiudono la top five Smart ForTwo e Volkswagen ID.3.

Parole di Carlotta Tosoni

"Una cosa bella è una gioia per sempre" diceva John Keats. Provo ad applicare questi versi nella pratica cercando e studiando tutto ciò che è esteticamente e intellettualmente interessante. Infatti arte, bellezza e comunicazione sono sempre stati la mia guida nello studio, nel lavoro e nella vita: ricercare contenuti validi da esprimere in maniera piacevole e da comunicare efficacemente. Solo così si può provare a cambiare le cose. La mia formazione è stata economica e artistica, la scrittura il mio mezzo preferito per raccontare il mondo, le mie passioni la storia dell’arte, il beauty, lo sport. Dal 2020, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection.