Ecobonus Auto, al via i nuovi incentivi del Decreto Sostegni Bis

Dal 2 Agosto hanno preso l'avvio i nuovi incentivi per l'acquisto di auto ecologiche previsti dal decreto Sostegni bis: ecco come funzionano e come fare richiesta

incentivi auto

Foto Pexels | pixabay

Con il rifinanziamento previsto dal Decreto Sostegni bis, da lunedì 2 agosto ripartono le prenotazioni per accedere agli incentivi sugli acquisti di veicoli a basse emissioni di Co2, anche usati.

Nuovi incentivi auto al via dal 2 agosto

Scattano i nuovi incentivi per l’acquisto di auto ecologiche previsti dal decreto Sostegni bis. Dal 2 agosto alle 10 sarà possibile prenotare sulla piattaforma del ministero dello Sviluppo economico ecobonus.mise.gov.it i bonus per l’acquisto di nuovi veicoli a basse emissioni fino a 135 g/km di CO2, con e senza rottamazione, mentre dal 5 agosto potranno essere richieste le agevolazioni per i veicoli commerciali e speciali.

Come funzionano i bonus per le nuove auto

Nella legge di conversione del decreto Sostegni bis il fondo automotive per l’acquisto di veicoli a basse emissioni è stato rifinanziato con 350 milioni di euro, dopo che i precedenti fondi erano stati esauriti. In dettaglio, i 350 milioni di euro saranno così suddivisi:

  • 200 milioni per acquistare, esclusivamente con rottamazione, i veicoli con emissioni comprese tra 61-135 g/km CO2. Il contributo è di 1.500 euro;
  • 60 milioni per ottenere l’extrabonus e acquistare veicoli con emissioni comprese tra 0-60 g/km CO2. Il contributo ammonta a 2.000 euro con rottamazione e a 1.000 senza;
  • 50 milioni per l’acquisto di veicoli commerciali e speciali, di cui 15 milioni esclusivamente per i veicoli elettrici. Tra le novità del Decreto Sostegni Bis c’è la possibilità di acquistare con leasing finanziario, già a partire dal 25 luglio 2021, anche questa tipologia di veicoli.
  • 40 milioni per l’acquisto di veicoli di categoria M1 usati, di classe Euro non inferiore a 6 ed emissioni fino a 160 g/km di CO2. Viene riconosciuto un contributo fino 2.000 euro, calcolato in base alla fascia di emissione. Per usufruire di questo ultimo contributo è necessario rottamare una vettura immatricolata prima del gennaio 2011, o che abbia raggiunto i dieci anni nel periodo in cui viene richiesto l’ecobonus.

Parole di Giulia Martensini