Nuova Ford Mustang Dark Horse, prestazioni definitive anche in pista

La Casa dell'Ovale Blu si prepara al ritorno al mondo del motorsport con la versione che più di tutte ha una spiccata vocazione per la pista

Ford Mustang profilo anteriore

Al fianco della nuova Mustang GT debutta la nuova Ford Mustang Dark Horse, il risultato dell’innovazione e dell’impegno del brand nel motorsport e massima espressione delle performance.

Il cuore della nuova Mustang Dark Horse è una versione potenziata del motore V8 di quarta generazione, dotato di nuovi alberi a camme e di una specifica calibrazione Dark Horse. Il nuovo design dell’aspirazione si avvale di un doppio corpo farfallato per l’immissione nel motore di un volume d’aria due volte superiore, per le massime prestazioni.

La Dark Horse è dotata di trasmissione a 6 rapporti TREMEC e di un pomello del cambio in titanio stampato in 3D disponibile esclusivamente per questo modello. Mustang Dark Horse può essere scelta anche con trasmissione automatica con alette al volante.

Nuova Mustang Dark Horse, cosa cambia

Ford Mustang profilo laterale

Mustang Dark Horse è dotata di serie del Performance Pack, che permette di svilupparne al massimo il carattere da pista e include diverse soluzioni per una gestione avanzata del raffreddamento per l’utilizzo prolungato ad alti regimi.

Tra queste, un radiatore dell’olio aggiuntivo, il raffreddamento dell’olio della trasmissione per le versioni automatiche, un radiatore in alluminio più leggero e con maggiore capacità di estrazione del calore, ventole più potenti per migliorare resistenza e recupero e un sistema di raffreddamento dell’asse posteriore. Il differenziale a slittamento limitato Torsen massimizza la trazione per l’accelerazione e migliora il bilanciamento della potenza in curva.

Il pacchetto include, inoltre, una calibrazione speciale del telaio, barre antirollio posteriori maggiorate, ammortizzatori anteriori rinforzati, pinze Brembo anteriori a ponte fisso con dischi maggiorati, barra duomi anteriore, barra di irrigidimento posteriore con tiranti, pneumatici a sezione differenziata.

Il controllo elettronico dei freni per il drifting porta in pista una nuova dimensione tecnologica, sviluppando al massimo le potenzialità della Mustang mantenendo l’estetica e la funzionalità di un tradizionale freno a mano meccanico.

Il freno a mano elettronico ad alte prestazioni è stato sviluppato per garantire ai piloti più esperti un sistema di controllo adatto alle competizioni, ma allo stesso tempo permette a chi si avvicina per la prima volta al mondo del drift di imparare e perfezionarne le tecniche.

Cambiano i dettagli estetici

Ford Mustang profilo posteriore

Mustang Dark Horse si distingue, inoltre, per una serie di elementi estetici che ribadiscono il suo posizionamento al vertice tra le Mustang di settima generazione e che ne migliorano ulteriormente le capacità in pista.

Sulla parte anteriore, un’audace ombreggiatura grafica avvolge i fari LED dalla sfumatura scura e si raccorda a una speciale griglia a fori trapezoidali in nero lucido e alla parte inferiore del paraurti, sul quale spiccano delle “zanne”, anch’esse in nero lucido. Le minigonne laterali, lo spoiler posteriore, l’estrattore dal design racing e lo scarico brunito con quattro terminali comunicano anche sul piano estetico e il carattere da pista della Mustang Dark Horse.

I tradizionali badge Mustang lasciano il posto al nuovo logo Mustang Dark Horse su passaruota, portellone e soglie battitacco, mentre il celebre pony resta sul frontale in un’inedita versione “Dark Tarnish”, scurita e anodizzata. All’interno, i badge Mustang Dark Horse trovano posto sul pannello strumenti e sui display digitali, accompagnati dal numero di chassis.

Mustang Dark Horse vanta inoltre una vernice metallizzata esclusiva “Blue Ember”. Una tinta fredda e scura che diffonde un bagliore caldo quando incontra la luce, a sottolineare il tono e il carattere dell’auto.

Una scelta di grafiche, adesive o verniciate, offre una possibilità di personalizzazione dal tetto al cofano con diversi stili e colori. Il pacchetto opzionale Appearance Pack include le pinze Brembo in tinta Notorious Blue con logo nel più chiaro Grabber Blue.

E all’interno della nuova Ford Mustang Dark Horse?

All’interno, un volante racing più spesso e con squadratura inferiore incorpora le alette del cambio anodizzate e un pulsante di selezione delle modalità di guida raggiungibile con il pollice. Il volante è arricchito da impunture Indigo Blue, che risaltano sulla finitura scamosciata. Alle sue spalle, un cluster digitale da 12,4” con schermate personalizzabili e visualizzazioni variabili a seconda della modalità di guida selezionata.

Le cuciture blu spiccano anche su pannelli porta, sedili, cuffia del cambio e console centrale, raccordandosi visivamente ad altri elementi blu come le cinture di sicurezza, caratterizzando ulteriormente l’atmosfera esclusiva dell’abitacolo. Il look interno può essere completato con il Dark Horse Appearance Pack, che aggiunge sedili traforati in tonalità Deep Indigo Blue. 

Dettagli interni come bocchette, profili e cornici sono in finitura Black Alley, un nero lucido metallico che si sostituisce alle più tradizionali sfumature metalliche delle altre versioni Mustang. La console centrale per le versioni manuali ospita la leva del cambio a 6 marce TREMEC in titanio con finitura blu anodizzata, sviluppata con uno speciale design interno che le permette di non trattenere il calore.

Mustang Dark Horse è dunque dotata del più recente impianto B&O, per un’audio cristallino prodotto da 12 diffusori e dal subwoofer.

Il ritorno nel mondo del motorsport

L’introduzione della nuova Ford Mustang Dark Horse getta le basi per le future pony car che gareggeranno a livello mondiale in diverse competizioni, tra cui la GT3, la GT4 e la Nascar.

A partire dalla 24 Ore di Daytona nel 2024, Ford tornerà a gareggiare nella GT3 con nuova Mustang GT3 IMSA, versione che sarà disponibile anche per il mercato. Creata da Ford Performance e Multimatic e alimentata da un motore V8 da 5,4 litri, Mustang GT3 offrirà alla clientela globale tutto il potenziale che una Mustang può esprimere nelle gare di endurance.

Al debutto, nella stagione 2023, anche una nuova Mustang GT4, anch’essa disponibile sul mercato. La versione si prepara a partecipare alle classi GT4 globali di IMSA, SRO e FIA GT. La prossima stagione, inoltre, una nuova declinazione della Mustang arriverà nella serie Australian Supercars, mentre per i prossimi anni sono previste versioni di nuova concezione per la Nascar Cup e le gare NHRA Factory X.

Parole di Riccardo Mantica

Nell’editoria online dal 2001 quando scrivere per il web era una chimera. Pubblicista dal 2005, blogger per caso nel 2010, ha vissuto l’avvento del web 2.0 e dei social network condividendone gioie e dolori. Le passioni coltivate negli anni per sport, motori e tecnologia sfociano oggi anche nel panorama della mobilità sostenibile. Il motto preferito? Guardare sempre avanti senza dimenticare il passato. Stay tuned!