Nuova Mercedes CLS 2018: interni 5 posti e motore mild hybrid

Anteprima al Salone di Los Angeles, Mercedes CLS 2018 si evolve su assistenza alla guida e tecnologia a bordo

da , il

    Nuova Mercedes CLS 2018 posa la pietra della terza generazione. Anteprima al Salone di Los Angeles 2017, dove si presenta evoluta nello stile ma, soprattutto, nelle caratteristiche e nella scheda tecnica. La grande berlina-coupé quattro porte introduce i motori sei cilindri in linea turbodiesel e turbo benzina mild hybrid, con impianto elettrico a 48 volt e starter-generatore a cinghia in grado di ampliare il coasting, l’utilizzo dello start&stop (fino a 30” di arresto e ripartenza automatica) e dare una spinta di cavalli e coppia in accelerazione. L’uscita sul mercato è prevista a marzo 2018, con la speciale Mercedes CLS Edition 1, in commercio per 12 mesi e con una ricca dotazione di serie, che prevede la base AMG Line arricchita dei cerchi da 20 pollici, fari Multibeam led, calandra con pin in cromo opaco, sedili in pelle Nappa neri con speciali impunture color rame. Guarda anche:

    Nuova Mercedes CLS adotta un frontale più dinamico, merito dei fari, con tecnologia led di serie, gli High Performance, mentre a richiesta sarà possibile avere gli Ultra Range High Beam, abbaglianti in grado di illuminare la strada per 650 metri davanti al veicolo, con un’intensità di 1 Lux. Il progetto di CLS 2018 guadagna personalità nello stile e migliora l’aerodinamica, portando il Cd a 0,26. Nuovo disegno anche al posteriore, con fari più spigolosi e triangolari.

    Interni di Mercedes CLS: novità 5 posti

    L’evoluzione principale degli interni di Mercedes CLS interessa, invece, l’abitacolo 5 posti. Sedili posteriori frazionabili 40:20:40, per ampliare la capacità del bagagliaio> che si attesta sui 520 litri in configurazione 5 posti. Tutto l’ambiente riceve un incremento di qualità e tecnologia. Non ci soffermiamo sui rivestimenti e gli inserti pregiati. Diciamo, invece, della strumentazione virtuale configurabile, il Widescreen sarà proposto a richiesta e prevede due schermi da 12,3 pollici affiancati, sotto un’unica lastra di vetro, dalla strumentazione all’infotainment. Strumentazione che sarà personalizzabile in tre stili: Classic, Sport e Progressive.

    La multimedialità offre i servizi connessi Mercedes me, mentre i comandi sono ridotti all’essenziale, gran parte delle funzioni si gestiscono dal touchpad sul tunnel, che dà un feedback tattile e sonoro a ogni azionamento. L’illuminazione ambientale è composta da 64 diverse colorazioni, luci a led che sono inserite anche nelle bocchette del climatizzatore. Tra gli optional per migliorare il comfort a bordo, arriva l’Energizing Comfort Control, con sei programmi che interessano la ventilazione dei sedili, la funzione massaggio, il riscaldamento del volante, il clima e la diffusione di fragranze, fino alle luci d’ambiente.

    Motori di Mercedes CLS: debuttano i modulari

    Non meno interessante è scoprire con quali motori Mercedes CLS 2018 andrà su strada. Tre unità, due turbodiesel 3 litri e un turbo benzina di uguale cilindrata. Si parte con Mercedes CLS 350 d 4Matic, da 286 cavalli e 600 Nm, in grado di staccare un 5”7 in accelerazione, si prosegue con Mercedes CLS 400 d 4Matic: 340 cavalli e 700 Nm, per uno zero-cento da 5” netti; l’alternativa a benzina è la mild hybrid Mercedes CLS 450 4Matic: il sei cilindri sviluppa 367 cavalli e 500 Nm, ai quali vanno sommati i 22 cavalli e 250 Nm del EQ Boost, l’alternatore-starter a cinghia, alimentato a 48 volt, che assicura in accelerazione un supporto al motore termico, oltre a consentire uno start&stop prolungato e coasting pure.

    Start & stop fino a 30” che viene utilizzato dai sistemi di assistenza alla guida. Il Driving Assistance Package è un pacchetto di soluzioni optional, che automatizza e assiste al volante. E’ previsto il mantenimento attivo della distanza, l’assistenza attiva sul volante, il limitatore di velocità, l’Active Brake con funzione Rear Cross Traffic, l’aiuto nelle manovre con rilevazione ostacolo, il supporto al cambio di corsia attivo. Di serie sia l’Attention Assist, che il mantenimento di corsia attivo, la frenata automatica e una miriade di altri sistemi di sicurezza oramai dati per scontati in un segmento prestigioso come quello di CLS. Per la prima volta, nuova Mercedes CLS 2018 – che riprende tanta tecnologia da Mercedes Classe S – alle istruzioni registrate mediante radar e telecamere somma i dati del navigatore per prevedere il comportamento alla guida. Vuol dire anche intervenire sulle sospensioni. Quelle pneumatiche ad aria, adattive, sono un optional, al pari del Dynamic Body Control, che regola in continuazione la rigidezza degli ammortizzatori.