Panther ProgettoUno, 21 esemplari ispirati alla mitica De Tomaso Pantera

Sarà realizzata in appena 21 esemplari con un obiettivo preciso: far rivivere il mito della De Tomaso Pantera disegnata da Tom Tjaarda traghettandola nel nuovo millennio

Panther ProgettoUno

Ispirata alla mitica De Tomaso Pantera la supercar Panther ProgettoUno allestita da Ares Design su base Lamborghini Huracàn ha completato la sua evoluzione da concept ad auto di produzione. Un look un po’ anni ’70 con stile raffinato ed elegante sarà limitata a soli 21 esemplari.

Per celebrare il momento, Ares Design ha anche realizzato il primo filmato dinamico della Panther Progettouno. Il film, girato sulle strade di campagna intorno a Modena, si intitola “Shaping Carbon“, un riferimento al materiale di cui è fatto il corpo della supercar. Lo stile della supercar e il suo nome sono evidenti riferimenti all’iconica De Tomaso Pantera degli anni ’70 e ’80. La carrozzeria aggressiva è realizzata interamente in fibra di carbonio ed è stata perfezionata attraverso la tecnologia CFD per ottenere le migliori prestazioni aerodinamiche.

Il tema retrò prosegue all’interno con uno in stile classico, che però lascia spazio anche a un pannello strumenti digitale, pelle su misura e tappezzeria in alcantara, finiture in fibra di carbonio e interruttori in alluminio. La Panther dispone anche di un sistema audio ad alta definizione Daniel Hertz. Mentre il corpo è sagomato per assomigliare alla supercar classica (è dotata anche di fari a LED pop-up), l’hardware è il più moderno possibile. La Panther Progettouno si basa sulla Lamborghini Huracan, con un V10 aspirato da 5,2 litri.

Collegato a una trasmissione a doppia frizione a sette velocità e a controllo elettronico Haldex AWD, il V10 spinge la Panther ProgettoUno da 0 a 100 km/h in soli 3,1 secondi e su una velocità massima di 325 km/h. La produzione della supercar Panther Progettouno, che è il primo modello del programma Legends Reborn di Ares Design, è già iniziata. Ognuno dei 21 esempi ha un prezzo a partire da 615.000 euro.

Parole di Riccardo Mantica

Nell’editoria online dal 2001 quando scrivere per il web era una chimera. Pubblicista dal 2005, blogger per caso nel 2010, ha vissuto l’avvento del web 2.0 e dei social network condividendone gioie e dolori. Le passioni coltivate negli anni per sport, motori e tecnologia sfociano oggi anche nel panorama della mobilità sostenibile. Il motto preferito? Guardare sempre avanti senza dimenticare il passato. Stay tuned!