Pedaggi autostradali, termina il blocco degli aumenti a fine luglio

Eventuali aumenti dei pedaggi autostradali potrebbe scattare a partire dal 1° agosto, giusto in tempo per il traffico delle vacanze

casello

Foto Shutterstock | Pcruciatti

L’aumento dei pedaggi autostradali a ridosso delle partenze estive è stato per molti anni un grande classico. Ma il 2021 è stata un’eccezione, con il blocco generalizzato degli aumenti stabilito dal decreto Milleproroghe, varato a dicembre 2020. Il provvedimento ha stabilito la sospensione di qualsiasi adeguamento tariffario e ogni variazione sarà applicata esclusivamente alla definizione dei nuovi contratti. Tuttavia, gli effetti del decreto scadono il 31 luglio ed eventuali aumenti potrebbero scattare a partire già dal 1° agosto, giusto in tempo per il traffico delle vacanze.

Leggi anche: AL VIA TELEPASS PAY PER USE, SE NON SI USA, NON SI PAGA!

Autostrade italiane: tutti gli aumenti sul pedaggio

La decisione ha riguardato il 98% delle tratte autostradali in concessione, con due sole eccezioni: l’Autovia Padana A21, per la quale è stato fissato un adeguamento del 3,20%, e la Bre.Be.Mi., con un rincaro del 3,49%. L’incremento sulla tratta autostradale A21 Piacenza-Brescia proviene invece dall’applicazione della nuova Convenzione. Mentre, nel caso del collegamento autostradale Milano-Bergamo-Brescia, l’incremento risente degli elevati oneri di costruzione, anche se il concessionario ha previsto uno sconto del 30% per gli utenti abituali.

Italia, il secondo paese più caro in Europa per pedaggi

L’Italia è il secondo paese in Europa per i pedaggi autostradali più cari, preceduta soltanto della Francia. Per stilare la classifica, sono state messe a confronto tratte di lunghezza simile, mentre i pedaggi sono stati calcolati tramite l’applicazione “viaMichelin” sviluppata da Michelin Travel Partner, la cui affidabilità è stata confermata da uno studio dell’Università degli Studi di Milano Bicocca.

Sul podio anche Francia e Portogallo

Per l’Italia sono stati considerati i seguenti tragitti: Roma-Firenze (251 km di autostrada per 18,40 euro di pedaggio), Milano-Venezia (258 km per 19,40 euro) e Napoli-Bari (247 km per 20,80 euro). Per la Francia, le tratte considerato sono state: Parigi e Villers-Bocage (lunga 249 km con un pedaggio stimato in 24 euro) e la Lione-Nimes (240 km di autostrada e 22,10 euro di pedaggio). Al terzo posto tra i Paesi con i pedaggi più cari si colloca il Portogallo: per andare da Lisbona a Salreu, si percorrono 256 km di autostrada e si paga un pedaggio di 18,50 euro. Mentre sono molti i Paesi europei che non prevedono pedaggi per le autostrade: è il caso di Germania, Regno Unito e Spagna.

Parole di Linda Pedraglio

Mi chiamo Linda Pedraglio. Sono nata e cresciuta in un piccolo paese vicino al lago di Como, ma, fra studio e lavoro, ho avuto modo di vivere città diverse: l’Erasmus a Helsinki, gli anni dell’università a Milano, il corso di giornalismo a Firenze. Sogno una piccola casa sul lago, piena di libri, che sono il mio affaccio sul mondo, e un orto di pomodori e peperoncini. Attualmente, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection, dove mi occupo di donne, salute e benessere, con qualche incursione nel percorso di emancipazione femminile.