Peugeot 308 by Arduini Corse: dal circuito alla strada

Da un suggerimento di Stefano Accorsi è nata la Peugeot 308 by Arduini Corse, una one-ff omologata per la strada ma praticamente uguale alla versione da gara.

da , il

    Peugeot 308 by Arduini Corse: dal circuito alla strada

    Da un suggerimento dell’attore Stefano Accorsi, subito raccolto da Massimo Arduini, è nata la one-off Peugeot 308 by Arduini Corse. “La versione da corsa è così bella che bisognerebbe farla anche per uso stradale!”. Il Team Principal dell’omonima factory milanese non se l’è fatto ripetere due volte, realizzando un esemplare dalla spiccata vocazione racing ma omologato per circolare sulle strade di tutti i giorni.

    Dall’esterno della Peugeot 308 è immediatamente riconoscibile dal look decisamente più grintoso, con paraurti e passaruota allargati ripresi dalla versione da gara, che faticano a celare cerchi 9×18”, in luogo dei 19” di serie, con pneumatici semi-slick Michelin Pilot Sport Cup 2. Il grosso del lavoro non è però visibile, visti gli interventi focalizzati su componenti meccaniche e centralina.

    La potenza infatti è stata incrementata elettronicamente a 302 CV, rispetto ai 272 CV della 308 GTi. Lo scarico è stato ottimizzato in funzione dei ritocchi sulla centralina, con un silenziatore centrale monotubo in inox che inoltre garantisce un sound coinvolgente.

    Per quanto riguarda la frenata Arduini Corse si è rivolta al leader del settore Brembo, con dischi stradali autoventilati con campana in Ergal che garantisce maggiore rigidità in staccata. Chiudono il cerchio i nuovi ammortizzatori regolabili a 2 vie, oltre ad un peso ridotto a 1.155 kg, rispetto ai 1205 della GTi.

    Peugeot 308 by Arduini Corse_4

    Massimo Arduini commenta così la nascita della Peugeot 308 by Arduini Corse: “L’idea, la lampadina me l’ha fornita Stefano Accorsi. Abbiamo cominciato a lavorare sul concept ed abbiamo migliorato ciò che già era quasi perfetto, senza peraltro stravolgere né modificare organi già in qualche modo racing quali, ad esempio, cambio e differenziale che sono rimasti di serie.”