Pininfarina firmerà il design delle Hercules Electric Vehicles

La storia dell'azienda torinese incontra un marchio nato da pochi anni per collaborare al progetto ambizioso di creare modelli in grado di distinguersi

Pininfarina firmerà il design delle Hercules Electric Vehicles

Foto Hercules Electric Vehicles

Pininfarina e Hercules Electric Vehicles lavoreranno insieme: le due aziende hanno stretto una collaborazione destinata a durare a lungo.

Infatti, la società torinese si occuperà immediatamente di ideare il design di diversi modelli della casa di Detroit: il primo sarà il pick-up Hercules Alpha, il cui lancio è previsto per il 2022, che aprirà a un’altra serie di progetti, attualmente in fase di sviluppo.

La Hercules Electric Vehicles è stata fondata da 3 anni fa da James Breyer, ex manager della Ford, della General Motors, della Chrysler e della Magna, che ora con questa partnership strategica con una realtà d’eccellenza come Pininfarina a emergere nel settore automotive con proposte di qualità.

Infatti, Breyer ha spiegato che scegliere il più importante designer al mondo di automobili ad alte prestazioni e di lusso significa creare un prodotto davvero unico e differenziato. Autore di modelli iconici Ferrari, Maserati e Alfa Romeo, non potrà che apportare un contributo importante a una giovane realtà per definirne in maniera più chiara il suo concetto di automobile.

Pininfarina e Hercules Electric Vehicles: si parte col pick-up Alpha

Il pick-up Alpha sarà di lusso: 1000 CV, quattro motori con funzione “torque vectoring” e il controllo di coppia fornito dal sistema di motori indipendenti per elevate stabilità e prestazioni. Ma soprattutto sarà elettrico: Pininfarina da tempo di occupa di mobilità elettrica, perciò il progetto è stato abbracciato con ancora più favore e interesse.

L’idea è quello di creare un nuovo linguaggio di design, tenendo ben presente e sottolineando l’identità di Hercules Electric Vehicles, calata nel contesto nordamericano e del quale se ne vogliono rispettare i codici.

Parole di Carlotta Tosoni

"Una cosa bella è una gioia per sempre" diceva John Keats. Provo ad applicare questi versi nella pratica cercando e studiando tutto ciò che è esteticamente e intellettualmente interessante. Infatti arte, bellezza e comunicazione sono sempre stati la mia guida nello studio, nel lavoro e nella vita: ricercare contenuti validi da esprimere in maniera piacevole e da comunicare efficacemente. Solo così si può provare a cambiare le cose. La mia formazione è stata economica e artistica, la scrittura il mio mezzo preferito per raccontare il mondo, le mie passioni la storia dell’arte, il beauty, lo sport. Dal 2020, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection.