Pompa acqua auto: quale scegliere e come cambiarla in autonomia

Cofano della macchina aperto con il motore a vista

Foto Shutterstock | Qilin's prance Filmmaker

A tanti di noi sembra solo una piccola ventola, ma in realtà è la vera protagonista dell’impianto di raffreddamento dell’auto: stiamo parlando della pompa dell’acqua, un componente fondamentale perché permette di far circolare il liquido nel circuito, mantenendo stabile la temperatura e favorendo lo scambio di calore attraverso il radiatore, un’azione importante che evita seri danni dovuti a un eventuale surriscaldamento del motore.

Pompa acqua auto: com’è fatta e come funziona

Capire a cosa serve la pompa dell’acqua è, come abbiamo appena mostrato, molto semplice. Eppure, il suo sistema si compone di tanti elementi. I principali sono: una flangia, un piccolo albero che, collocato su una serie di cuscinetti, avvia il passaggio dell’energia prodotta dalla flangia alla girante, la quale ha a sua volta il ruolo di far arrivare il liquido refrigerante nella pompa del radiatore, tramite cui viene inviato al motore per poi riprendere il ciclo di nuovo.

Un componente da non sottovalutare e da scegliere con cura

Compresa la sua grande importanza per la nostra auto, è bene cominciare ad affrontare un altro tema molto rilevante: la sua scelta, che deve essere fatta con cura e seguendo rigidi parametri per non incappare in problemi ulteriori nel breve e lungo termine.

Qui troverai un po’ di consigli che possono tornarti molto utili e ti aiuteranno a non fare errori facilmente evitabili.

Uno degli elementi che certifica la grande qualità della pompa acqua è il cuscinetto. Tendenzialmente, un cuscinetto scadente può diventare molto rumoroso, a causa della fuoriuscita del liquido di raffreddamento che, entrando nel corpo pompa, rimuove il lubrificante presente.

Altro fattore da non prendere assolutamente alla leggera è il materiale delle giranti. Quelle più economiche sono infatti di plastica o in lamiera, entrambe poco adatte per la funzione che devono svolgere: la prima, infatti, tende ad avere grossi problemi a causa delle alte temperature che la portano a dilatarsi e danneggiarsi facilmente, impedendo di fatto al sistema di funzionare in modo adeguato. La lamiera, invece, incappa in problemi di corrosione che provocano seri danni alla base della girante.

Ecco perché è sempre una buona idea affidarsi all’acciaio inox o all’ottone, specie quest’ultimo, infatti, è un materiale che sa tener testa anche ai liquidi più corrosivi.

È interessante, poi, ricordare anche l’importanza delle guarnizioni, capaci di creare aderenza fra le varie parti e di far sì che non ci siano perdite di liquido. 

Sostituire la pompa acqua dell’auto in pochi semplici passaggi

Sostituire la pompa dell’acqua può essere un lavoro molto facile, basta avere un po’ di familiarità con la propria auto e piccole conoscenze di meccanica. È molto importante seguire le indicazioni della casa di produzione del veicolo prima di dare il via alle operazioni. Infatti, ogni motore presenta caratteristiche proprie che possono impattare anche sull’impianto di raffreddamento.

Fatte queste fondamentali attività preliminari, è ovviamente necessario attendere che il motore sia spento e completamente raffreddato. A questo punto si può procedere con la rimozione del tubo della pompa acqua: ricorda sempre di tenere una bacinella sotto il radiatore, in modo da poter far fuoriuscire in sicurezza il liquido refrigerante. Prosegui quindi con la sostituzione della pompa vecchia, accertandoti di cambiare anche le vecchie guarnizioni e cercando di lavorare sempre in modo pulito, intervenendo con cura nelle zone in cui si è formata la ruggine. Quando si procede alla sostituzione della pompa, potrebbe essere consigliato applicare uno strato di sigillante, bisogna però star attenti a non esagerare dato che potrebbe penetrare con facilità nel sistema di raffreddamento. Ad ogni modo, anche in questo caso, è sempre meglio rifarsi alle indicazioni della casa di produzione dell’auto.

Una volta collegato il nuovo tubo bisognerà ovviamente riempire il sistema di raffreddamento con il refrigerante adatto al veicolo. Servirà poi assicurarsi che il sistema di trasmissione a cinghia sia perfettamente collegato alla pompa dell’acqua: i due elementi infatti sono fortemente connessi fra di loro.

A questo punto non rimane che controllare che tutto funzioni correttamente e che non ci siano perdite.

Informazioni sulla pompa acqua da www.pezzidiricambio24.it

Informazioni sul sistema di raffreddamento da www.partsweb.it