Porsche 911 GT3 R, ecco la tedesca da corsa

Presentata la nuova vettura del marchio tedesco, che nel 2023 prenderà parte alle gare dei mondiali turismo

Porsche 911 GT3 R

Porsche 911 GT3 R - Foto credits Porsche media

La nuova Porsche 911 GT3 R, la vettura che correrà in tutti gli eventi sportivi che aderiscono al regolamento della classe GT3, è stata svelata alla 24 Ore di Spa-Francorchamps mostrando così forme e caratteristiche che prenderà parte alle gare da gran turismo rivaleggiando così con la nuova Ferrari 296 GT3.

Una vettura completamente rivista a partire dal set up: l’auto, che si basa sull’attuale generazione 992 e il cui sviluppo è iniziato nel 2019, è infatti stata progettata per migliorare la dinamica di guida e aumentare la potenza complessiva che, grazie al motore boxer 6 cilindri che ora arriva a 4.194 cm3, rispetto ai passati da 3.997 cm3, riesce ora ad arrivare a 565 CV, grazie anche a un miglioramento della coppia.

DNA da corsa per la sportiva tedesca

Il motore è stato poi riposizionato tanto che ora presenta una maggior inclinazione in avanti di 5,5 gradi per creare più spazio per il diffusore, il generatore e il compressore sono stati spostati più avanti così da perfezionare la gestione dei pesi mentre il cambio è un sequenziale a sei marce con ingranaggi a innesto preso in prestito dall’attuale 911 GT3 Cup, con lo sterzo che ha la capacità di ridurre il consumo degli pneumatici durante la corsa e le sessioni in pista grazie a una maggiore precisione.

Nuova Porsche 911 GT3 R
Nuova Porsche 911 GT3 R – Foto credits Porsche press

A completare l’allestimento speciale, poi, anche l’introduzione di un nuovo sistema a doppi bracci oscillante e nuovi ammortizzatori da corsa mentre i dischi freno della nuova 911 GT3 R, realizzati da AP, misurano 390 mm di diametro all’anteriore e 370 millimetri al posteriore. Per diminuire il peso, infine, gli ingegneri Porsche hanno scelto di realizzare molte parti della carrozzeria in carbonio, comprendenti anche il cofano anteriore e posteriore, le portiere, i pannelli laterali, l’alettone posteriore e tutta la sezione del tetto.

Anche l’abitacolo è stato rivisto con l’aggiunta di un nuovo roll bar e nuove protezioni laterali, il sedile è stato spostato più al centro ed è dotato di cinture di sicurezza a sei punti con sgancio veloce per un cambio pilota veloce e fulmineo durante la corsa.

Parole di Matteo Vana

Laureato in Editoria e Giornalismo, ha iniziato a muovere i primi passi con calcio e motori, due passioni delle quali ha fatto un lavoro. Pubblicista dal 2014, ama lo sport, i viaggi e i fumetti