Red Bull, strada spianata per i prossimi 2 anni? Potrebbe arrivare la regola ammazza-Ferrari

La Red Bull sta dominando la scena in questa stagione, ed ora c’è un’altra novità che non fa certo comodo alla Ferrari. Che disastro.

Il mondiale di F1 targato 2023 è stato letteralmente dominato dalla Red Bull, che con Max Verstappen ha già chiuso i conti per quello che riguarda i titoli mondiali. Sergio Perez è immerso in una crisi personale dalla quale non riesce ad uscire, ed il suo sedile non sembra essere così solido in chiave 2024, con diversi candidati che vorrebbero prendere il suo posto.

Red Bull ferrari
Red Bull con Max Verstappen in azione (ANSA) – Allaguida.it

Tuttavia, il team di Milton Keynes ha ancora alcuni primati da ottenere prima della fine di questa stagione, come il record di vittorie in una sola stagione che appartiene alla Mercedes del 2016. Nell’anno del titolo di Nico Rosberg, il team di Brackley vinse 19 gare su 21, mentre i “bibitari” sono ora a quota 16 su 17, e con cinque gare al termine, hanno tutte le carte in regola per mettere a referto il nuovo record.

La Red Bull sembra avere carta bianca anche per il prossimo biennio, dal momento che i regolamenti non cambieranno sino al 2026, quando ci sarà una rivoluzione tecnica enorme. Tuttavia, per il 2025 potrebbe esserci una modifica, che però non può che andare a favore della squadra anglo-austriaca, mentre in Ferrari non possono far altro che farsi sentire ed opporsi a questa possibile novità, che sarebbe una condanna alla sconfitta.

Red Bull, la nuova regola è molto vantaggiosa

Secondo quanto riportato da “Motorsport.com“, la F1 starebbe pensando di congelare le monoposto del 2024 per farle correre anche nel 2025, un qualcosa che contro ogni forma di sviluppo e progresso, ma che potrebbe diventare realtà. A segnalare questa possibilità è stato il direttore tecnico della Mercedes, vale a dire James Allison, ed il tutto è legato anche al Budget Cap. La Red Bull sarebbe chiaramente la squadra più avvantaggiata da tutto ciò, avendo un margine tecnico enorme sulla concorrenza.

formula 1 nuove regole
Ferrari con Carlos Sainz in azione (ANSA) – Allaguida.it

In sostanza, si potrebbe decidere di non spendere troppo budget sull’evoluzione dell’auto 2024, dal momento che potrebbe esserci poca differenza pensando alla rivoluzione del 2026. Per chi non lo ricordasse, una cosa di questo tipo era già accaduta nel 2021, quando le auto risultarono quasi uguali a quelle della stagione precedente.

Tuttavia, all’epoca la Red Bull riuscì a chiudere il gap dalla Mercedes ed a regalarci un campionato fantastico, ma ci fu una differenza fondamentale rispetto a quello che potrebbe accadere tra qualche mese. Infatti, venne attuata una modifica al fondo e le auto persero del carico aerodinamico, con Adrian Newey che fu il migliore in assoluto nel recuperarlo, mentre in Mercedes si incontrarono maggiori problemi.

Il risultato fu un campionato equilibrato e teso sino alla fine, cosa che quasi certamente non avremo nel 2025. Vedremo se la FIA deciderà a tutti gli effetti di congelare le monoposto, un qualcosa che di certo non è gradita ai fan. La competizione e lo sviluppo sono l’essenza di questo sport, ed un congelamento, anche se solo di un anno, equivale ad una dura sconfitta.

Impostazioni privacy