Skoda Octavia RS e Octavia Scout, la famiglia dei motori si allarga

La casa boema propone la sportiva RS nelle varianti benzina e diesel dopo il lancio della Phev, mentre la versione Wagon off-road aggiunge un propulsore mild-hybrid

Skoda Octavia RS e Octavia Scout

Foto Ufficio Stampa Volkswagen/Skoda

Da molte generazioni le versioni Skoda Octavia RS e Octavia Scout si posizionano al vertice della famiglia della gamma. Dopo l’introduzione di Skoda Octavia RS iV, il primo modello RS con propulsore ibrido plug-in firmato dalla casa boema, è ora la volta delle versioni equipaggiate con i motori benzina e Diesel più potenti della serie, con l’introduzione della quarta generazione.

Octavia RS è ora dunque disponibile per la prima volta con tre differenti tipologie di propulsori. Il 2.0 TDI della generazione EVO è ora in grado di sviluppare 200 CV (147 kW) di potenza e può essere abbinato alla trazione anteriore o integrale. La nuova versione EVO del motore 2.0 TSI eroga una potenza di 245 CV (180 kW), che viene scaricata sull’asfalto attraverso l’asse anteriore. Per nuova Octavia Scout l’offerta comprende invece cinque propulsori benzina o Diesel oltre a un motore benzina 1.5 TSI con tecnologia mild-hybrid. La Scout, con robuste protezioni per la carrozzeria e dettagli off-road, per la prima volta è proposta in abbinamento alla trazione integrale o alla sola trazione anteriore.

I nuovi motori di Skoda Octavia RS e Octavia Scout

Il nuovo motore 2.0 TSI di Skoda Octavia RS è basato sul propulsore di Octavia RS 245 della precedente generazione. Gli interventi di perfezionamento sul motore si sono concentrati sul mantenimento delle doti dinamiche e della potenza massima di 245 CV (180 kW), incrementando ulteriormente, al contempo, l’efficienza. È stato possibile ottenere questo risultato aumentando la pressione di iniezione del carburante fino a 350 bar.

Inoltre, sono state adottate teste dei pistoni di nuova forma e un innovativo supporto dell’albero motore per ridurre gli attriti e, di conseguenza, i consumi di carburante. Skoda ha anche modificato sia l’impianto di scarico sia il sistema di accensione.

Skoda Octavia RS – foto Ufficio Stampa Volkswagen/Skoda

Passando al motore a gasolio la base tecnica del 2.0 TDI 200 CV (147 kW) è la stessa degli altri motori Diesel della generazione EVO con potenza di 116 CV (85 kW) e 150 CV (110 kW). Il 2.0 TDI, tuttavia, è dotato di un basamento in alluminio e di pistoni a loro volta in alluminio con fasce elastiche per ottimizzare gli attriti. Il turbocompressore è invece caratterizzato da una compressione più elevata ed è anche raffreddato ad acqua per ottenere una compensazione termica migliore.

Skoda Octavia RS si avvale quindi della nuova tecnologia shift-by-wire per azionare la trasmissione DSG. Al riguardo, la selezione delle marce viene trasmessa al cambio in modo elettronico, anziché meccanico. Questa soluzione, oltre a consentire di risparmiare spazio, offre la possibilità di realizzare nuovi concept di design per gli interni.

La leva selettrice del cambio DSG adottata finora è sostituita da un nuovo modulo di comando nella consolle centrale, che dispone di un piccolo interruttore basculante per selezionare le differenti posizioni – R (retromarcia), N (folle) e D/S (marcia/Sport) – oltre a un tasto per la modalità parcheggio P.

Skoda Octavia Scout
Skoda Octavia Scout – foto Ufficio Stampa Volkswagen/Skoda

Per quanto riguarda Skoda Octavia Scout per la prima volta dal debutto dell’apprezzata versione Wagon a trazione integrale in stile off-road, la nuova generazione è anche disponibile sia con trazione 4×4 sia con trazione anteriore. Inedito anche il motore con tecnologia mild-hybrid. Il 2.0 TDI al top della gamma Octavia Scout, tradizionalmente disponibile esclusivamente in versione Wagon, è ora in grado di sviluppare una potenza di 200 CV (147 kW).

La trazione integrale di Octavia Scout adotta una nuova frizione a dischi multipli a gestione elettronica. La centralina è stata integrata per garantire tempi di reazione più rapidi, rendendo così superfluo l’impiego di un’unità di elaborazione esterna.

Quando il software rileva, in base allo stile di guida, che la trazione integrale non è necessaria, provvede, all’occorrenza, a disattivare completamente il motore elettrico che aziona la pompa dell’olio. Non appena è necessario commutare alla trazione 4×4, il sistema si attiva in una frazione di secondo.

Disponibilità e prezzi

Gamma Skoda Octavia RS e Scout – foto Ufficio Stampa Volkswagen/Skoda

Skoda Octavia RS è oggi disponibile sul mercato italiano nelle varianti berlina e Wagon con motorizzazione 2.0 TSI 245 CV manuale o DSG a partire da 36.350 euro e 2.0 TDI 200 CV DSG con trazione anteriore o 4×4 a partire da 37.900 euro.

Nuova Skoda Octavia Scout, unicamente con carrozzeria Wagon, è proposta sul mercato italiano nelle motorizzazioni 1.5 TSI e-TEC 150 CV mild-hybrid 4×2 a partire da 34.100 euro e 2.0 TDI 200 CV DSG 4×4 a partire da 39.950 euro.


Parole di Riccardo Mantica

Nell’editoria online dal 2001 quando scrivere per il web era una chimera. Pubblicista dal 2005, blogger per caso nel 2010, ha vissuto l’avvento del web 2.0 e dei social network condividendone gioie e dolori. Le passioni coltivate negli anni per sport, motori e tecnologia sfociano oggi anche nel panorama della mobilità sostenibile. Il motto preferito? Guardare sempre avanti senza dimenticare il passato. Stay tuned!

Potrebbe interessarti