Spirito ed energia: in arrivo la Suzuki Jimny elettrica

Suzuki potrebbe far schizzare le vendite grazie a questa novità: una versione full elettric del fuoristrada Jimny. Forse sul mercato nel 2024

Spirito ed energia: in arrivo la Suzuki Jimny elettrica

Foto Getty Images | Robert Hradil

Suzuki è riuscita a chiudere il 2020 con una perdita di mercato contenuta: le immatricolazioni della casa giapponese sono scese solo del 12% (a fronte di una media che si attesta intorno al 28 per cento). Complici le nuove uscire, Swace e Across, il 2021 si prospetta come un annata fortunata per Suzuki, soprattutto se nel computo delle vendite si potrà inserire un incremento di Jimny.

Perché scegliere Suzuki Jimny

L’estetica non è tutto, bisogna anche ottenere prestazioni eccellenti, per fare di un’auto un capolavoro. Dal punto di vista della carrozzeria, il fuoristrada in versione mignon raccoglie molti consensi, ma pecca in motorizzazione. L’unico motore montato su Jimny è infatti un 1.5 aspirato da 102 CV, le cui emissioni di CO2 sono tutt’altro che trascurabili. Tanto che Suzuki l’ha registrada come autocarro, per far sì che superasse i controlli di emissioni.

Quindi, perché dovremmo sperare in un incremento di vendite di Suzuki Jimny? Perché potrebbe arrivare la versione full electric.

Anima antica con motore moderno

Si vocifera che l’arrivo di Suzuki Jimny EV potrebbe essere il 2024. Il fuoristrada giapponese dovrebbe mantenere la linee e le dimensioni ridotte (lunghezza intorno ai 370 cm), anche se potrebbe alzarsi dal suolo, garantendo la capacità di guado.

Jimny monterebbe probabilmente due motori, uno per asse, con trazione integrale anch’essa elettrica. Si ipotizza una 150CV con 270 Nm di coppia.

Parole di Elena Pavin

Mi chiamo Elena Pavin, classe 1994, ho conseguito il diploma artistico solo prima di scoprire di non voler fare l’architetto né la designer. Così ho cambiato radicalmente i miei piani: all’Università di Milano-Bicocca ho studiato giapponese e mi sono laureata in Comunicazione interculturale, ho terminato i miei studi diplomandomi alla Scuola di Giornalismo. Amante dell’arte, incuriosita dalle tendenze, fanatica dell’enogastronomia (tanto da decidere di diventare sommelier). Nel 2020 ho iniziato a collaborare con Alanews e Deva Connection