Stellantis vuole forse aprire una fabbrica di batterie in Italia

Al via le trattative tra il colosso dell'automotive e il Governo per avviare una produzione di batterie in Italia: ma ancora nulla è stato deciso

Sede stellantis

Foto Getty Images | Giuliano Berti/Bloomberg

Il Gruppo Stellantis si sta confrontando con il Governo italiano in merito alla possibilità di investire in Italia per produrre batterie per le auto elettriche. Stando alle ultime indiscrezioni, ci sarebbe già stato un incontro tra il presidente di Stellantis John Elkann, l’amministratore delegato Carlos Tavares e il ministro Giorgetti, per discutere sul futuro della mobilità elettrica in Italia.

Stellantis e il Governo al confronto

Mentre il Governo chiede che l’Italia rimanga una delle principali sedi di produzione dei veicoli Stellantis, d’altra parte il gruppo avrebbe manifestato l’intenzione di avviare una fabbrica di batterie per auto elettriche all’interno dell’impianto di Mirafiori. Tuttavia, le discussioni sono ancora in fase germinale e il gruppo Stellantis potrebbe anche decidere di investire altrove i suoi capitali. Per il momento, non ci è dato sapere nulla di più, dal momento che entrambe le parti hanno rifiutato di commentare queste ultime indiscrezioni.

Il gruppo vuole triplicare la vendita di auto elettriche

Certo è che Stellantis sta accelerando il suo piano di elettrificazione, con l’obiettivo di triplicare le vendite dei modelli Plug-in ed elettrici. Per raggiungere questo ambizioso traguardo, bisogna che il gruppo si doti di un’adeguata fornitura di batterie, indispensabili per supportare la vertiginosa crescita della produzione di auto elettriche. Secondo quanto emerso, la multinazionale metterà sul mercato, entro quest’anno, 40 modelli elettrificati. Infatti, ai 29 modelli già disponibili, ne verranno aggiunti nel 2021 altri 11.

Leggi anche: STELLANTIS, 40 MODELLI ELETTRICI ENTRO IL 2021

Stellantis aprirà Gigafactory in Europa e America

In tal direzione, il gruppo Stellantis intende costruire una serie di Gigafactory per arrivare a disporre di una capacità di 130 GWh nel 2025 e di 250 GWh nel 2030. Entro la fine del 2021, il Gruppo dovrà decidere dove costruire e avviare nuovi impianti in Europa e in America, oltre a quelli già panificati, come quello di Douvrin, in Francia, e di Kaiserslautern, in Germania. Queste prime Gigafactory nascono dalla joint venture tra PSA e Total chiamata Automotive Cells Company.

Parole di Linda Pedraglio

Mi chiamo Linda Pedraglio. Sono nata e cresciuta in un piccolo paese vicino al lago di Como, ma, fra studio e lavoro, ho avuto modo di vivere città diverse: l’Erasmus a Helsinki, gli anni dell’università a Milano, il corso di giornalismo a Firenze. Sogno una piccola casa sul lago, piena di libri, che sono il mio affaccio sul mondo, e un orto di pomodori e peperoncini. Attualmente, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection, dove mi occupo di donne, salute e benessere, con qualche incursione nel percorso di emancipazione femminile.