Utilizzo dell'auto ridotto, cresce la micromobilità

L’indagine annuale, che conta 10.000 rispondenti in tutta Europa, mostra che il 37% degli utenti italiani ha ridotto o sostituito completamente l’auto

micromobilità

Xiaomi Mi Electric Scooter 3 - Foto credits Xiaomi press

Per celebrare il suo 4° anniversario, Voi Technology, l’azienda svedese di micromobilità elettrica condivisa, ha realizzato un sondaggio per capire in che modo i servizi di micromobilità influenzano le abitudini di chi vive in città e il relativo utilizzo dell’auto privata.

L’indagine annuale, che conta 10.000 rispondenti in tutta Europa, mostra che il 37% degli utenti italiani ha ridotto o sostituito completamente l’auto privata grazie ai mezzi di micromobilità, tra cui i monopattini.

Il metodo tradizionale per misurare in che modo la micromobilità in sharing sostituisce la circolazione in auto (fenomeno chiamato modal shift nel gergo del settore) sarebbe quello di chiedere agli utenti quale mezzo di trasporto avrebbero usato per il loro ultimo spostamento se i monopattini non fossero esistiti.

E se invece fosse la combinazione di viaggio in monopattino con altri mezzi a rimpiazzare l’uso dell’auto?
Più del 55% degli utenti sondati afferma, infatti, di combinare le corse in monopattino con i mezzi pubblici (+47% rispetto al 2021), dimostrando che la micromobilità in sharing è complementare al trasporto pubblico e non in competizione con esso.

Dall’indagine risulta poi che il 20% degli utenti in Italia (e il 25% in Europa) si sposta esclusivamente in monopattino, a conferma di come la micromobilità stia aiutando a risolvere la sfida del traffico cittadino nelle città europee.

Micromobilità efficiente anche per le periferie

I monopattini sono adottati in tutta Europa da utenti di qualsiasi età. In particolare, quasi la metà dei rispondenti con più di 45 anni dichiara di aver ridotto significativamente l’uso dell’auto da quando ha iniziato a fruire della micromobilità condivisa. Un dato che dimostra quanto la micromobilità sia adatta a tutte le età, poiché in grado di offrire alle persone un’alternativa all’automobile.

E non solo. Dall’indagine emerge la tendenza a ridurre l’uso dell’auto, in favore dei monopattini, anche per gli abitanti delle periferie cittadine. Più del 60% di chi vive a 30 minuti di mezzi dal centro città ha ridotto l’impiego dell’auto grazie ai servizi di micromobilità.

In media, il 14% delle corse Voi sostituisce un viaggio in auto con uno in monopattino. Questo cambiamento sta aiutando a ridurre la congestione del traffico e la produzione di CO2 e PM2.5, contribuendo a realizzare vere Città fatte per essere vissute.

Parole di Riccardo Mantica

Nell’editoria online dal 2001 quando scrivere per il web era una chimera. Pubblicista dal 2005, blogger per caso nel 2010, ha vissuto l’avvento del web 2.0 e dei social network condividendone gioie e dolori. Le passioni coltivate negli anni per sport, motori e tecnologia sfociano oggi anche nel panorama della mobilità sostenibile. Il motto preferito? Guardare sempre avanti senza dimenticare il passato. Stay tuned!