Volvo vuole lanciare un Suv elettrico entro il 2023

La casa automobilistica punta a elettrificare totalmente la sua flotta di veicoli entro il 2030: in arrivo anche il Suv elettrico

Volvo

Foto Shutterstock | Anna in Sweden

Nei prossimi anni, Volvo ha intenzione di lanciare sul mercato diversi modelli a batteria, con l’obiettivo di creare una flotta totalmente elettrica entro il 2030. Il costruttore punta a convertire almeno il 50% della produzione in modelli elettrici entro il 2025.

Leggi anche: VOLVO, STABILIMENTO TORSLANDA PRIMO A PIENA NEUTRALITÀ CLIMATICA

Volvo vuole produrre un Suv elettrico

Per raggiungere questo traguardo, Volvo ha già lanciato diversi modelli elettrici, come la XC40 Recharge elettrica e la C40 Recharge elettrica. Ma non finisce qui. L’azienda ha intenzione di allargare la sua gamma di veicoli a batteria e fare il suo ingresso nel segmento B con un Suv compatto elettrico che si dovrebbe chiamare XC20 o XC30. La scelta di Volvo si spiega facilmente alla luce del recente successo del segmento: sono infatti molti gli automobilisti che scelgono vetture Suv.

Avremo bisogno di meno varianti di berline e station wagon. Le avremo ancora, ma probabilmente non così tante come oggi“, ha commentato Håkan Samuelsson, CEO di Volvo. “Il mercato chiede più modelli SUV invece. Abbiamo bisogno di espanderci ancora di più in questo segmento e stiamo progettando qualcosa di più piccolo della Serie 40“, ha concluso Samuelsson.

Il Suv sarà lanciato nel 2023

Il Suv sbarcherà sul mercato probabilmente non prima del 2023. Ancora non sappiamo quando sarà ufficialmente presentata la vettura, ma a breve saranno probabilmente svelati i primi dettagli e le prime specifiche in anteprima. Il futuro SUV dovrà fare i conti con vetture del calibro di Opel Mokka-e e Peugeot e-2008. Naturalmente saranno presenti molte delle tecnologie già impiegate da Volvo per gli altri modelli elettrici. Ad esempio, l’infotainment potrebbe essere basato sulla piattaforma Android, anche se non si esclude che il costruttore scelga di appoggiarsi alla piattaforma SEA del Gruppo Geely.

Parole di Linda Pedraglio

Mi chiamo Linda Pedraglio. Sono nata e cresciuta in un piccolo paese vicino al lago di Como, ma, fra studio e lavoro, ho avuto modo di vivere città diverse: l’Erasmus a Helsinki, gli anni dell’università a Milano, il corso di giornalismo a Firenze. Sogno una piccola casa sul lago, piena di libri, che sono il mio affaccio sul mondo, e un orto di pomodori e peperoncini. Attualmente, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection, dove mi occupo di donne, salute e benessere, con qualche incursione nel percorso di emancipazione femminile.