ZF Next Generation Shuttle, al CES 2023 arriva la navetta elettrica a guida autonoma

La navetta rappresenta il futuro della mobilità urbana: ecco quali sono le sue caratteristiche e come funzionerà

ZF Next Generation Shuttle

ZF Next Generation Shuttle - Foto credits Zf press

Il CES 2023 rappresenta, per il mondo dell’auto, l’occasione per mostrare le novità che, nei prossimi anni, potrebbero arrivare sulle strade. Tra queste c’è Zf Next Generation Shuttle, la navetta elettrica a guida autonoma pensata per il trasporto dei passeggeri in ambito urbano, un progetto simile a quello di Holon, anche lui messosi in mostra alla kermesse americana.

Una navetta in grado di guidare da sola

Un veicolo che può contare sulla piattaforma Virtual Driver di ZF che permette di disporre della guida autonoma di Livello 4 grazie a diversi sensori, radar, telecamere e LiDAR. Il sistema è stato progettato per disporre di una serie di ridondanze in modo da garantire sempre la massima affidabilità di funzionamento. Il motore elettrico, poi, spinge la navetta ad una velocità massima di 25 miglia orarie, circa 40 km/h, velocità che in futuro potrebbe arrivare intorno agli 80 km/h mentre per le batterie si può scegliere tra diversi modelli con una capacità compresa tra 50 e 100 kWh. L’autonomia può arrivare fino a 80 miglia, cioè circa 129 km.

Gli interni di ZF Next Generation Shuttle
Gli interni di ZF Next Generation Shuttle – Foto credits ZF press

All’interno c’è spazio per 22 persone ma i posti a sedere solo solo 15. Massima accessibilità anche ai disabili grazie alla presenza di una rampa e di sistemi che permettono di “bloccare” le sedie a rotelle una volta salite a bordo. Gli interni sono personalizzabili nel layout e negli allestimenti in base alle finalità d’uso del veicolo. Questi veicoli, inoltre, sono state progettate per poter funzionare 24 ore al giorno, 7 giorni su 7.

avatar autore

Parole di Matteo Vana

Laureato in Editoria e Giornalismo, ha iniziato a muovere i primi passi con calcio e motori, due passioni delle quali ha fatto un lavoro. Pubblicista dal 2014, ama lo sport, i viaggi e i fumetti