Maserati Granturismo

La Maserati per eccellenza

16
Maserati GranTurismo 2018 restyling
  • N.D.
  • N.D.
  • 14.3 - 15.3 L/100KM
  • 2 - 4
  • Da 260 a 260 L
Sottoposta da poco ad un restyling, la Maserati Granturismo è uno dei modelli di maggior successo della Maserati, svelata circa 10 anni fa e costantemente aggiornata e rinnovata nei contenuti e nelle versioni. Il suo successo è stato dettato in primo luogo da un design affascinante, oltre che dalle sue prestazioni, garantite dal V8 capace di ruggire oltre i 7000 giri con una cattiveria ed un rombo ineguagliabili. Leggendo la scheda tecnica, il motore 4.7 litri aspirato ha caratteristiche da purosangue: eroga infatti 460 cavalli. Il propulsore è realizzato in collaborazione con Ferrari ed è abbinato ad un veloce cambio automatico sequenziale ZF a sei rapporti (di serie per tutte le 4.7 le palette al volante). Disponibile anche un meno potente 4.2 da 405 cavalli. La linea classica della Maserati Granturismo porta la firma di Pininfarina: inconfondibile la mascherina concava di forma ovale, decisamente bombati i passaruota anteriori. Gli interni di Maserati Granturismo spiccano nettamente tra le rivali per la comodità offerta ai quattro occupanti (anche di statura medio-alta), i quali godono di sedili veramente comodi e di un isolamento degno di nota. L’appellativo della coupé Maserati viene quindi rispettato in tutto e per tutto. Lusso e finiture curate negli interni danno quasi l’impressione di trovarsi a bordo di un’ammiraglia. Nel misto impegnativo ci sono rivali che fanno di meglio, ma lo sterzo ed il motore rispondono sempre bene. La base telaistica è quella della vecchia Quattroporte, opportunamente accorciata (le dimensioni restano imponenti). Il listino prezzi della Maserati Granturismo parte da 117 mila euro. Diversi gli allestimenti disponibili: bellissime le MC Stradale e Centenario, più alla portata la Maserati Granturismo Sport. Non esiste a listino la Maserati Granturismo S.

Versione consigliata

Neanche da chiedere. La versione da comprare è la Maserati Granturismo 4.7 Sport Automatica, dotata dell’ottimo ZF e spinta dal possente V8 4.7 litri da 460 cavalli. Le altre versioni con il 4.7 hanno un cambio robotizzato a 6 rapporti “vecchio stile” brusco nei cambi di marcia: rovina l’appeal di una Maserati e alla lunga potrebbe quasi infastidire. L’ottimo automatico realizzato da ZF invece risulta perfetto, qualsiasi sia il vostro stile di guida. Di serie su questa versione le sospensioni attive Skyhook. Tra gli optional consigliamo i cerchi in lega da 20 pollici, bellissimi da vedere. Il resto diventa superfluo quando ci si mette al volante e ci si lascia trasportare dalle forti emozioni alla guida.

PRO

  • Motore: il 4.7 V8 urla con forza fino ad oltre 7000 giri e regala forti emozioni, spinge bene anche ai bassi.
  • Prestazioni: non ha nulla da invidiare alle rivali, 0-100 in meno di 5 secondi e 300 km/h di velocità massima.
  • Comfort: Granturismo di nome e di fatto, 4 adulti stanno comodi anche nei viaggi. Buona l’insonorizzazione.

CONTRO

  • Agilità: le dimensioni imponenti riducono l’agilità nel misto, peccato visto la prontezza dello sterzo.
  • Baule: vista la comodità dell’abitacolo ci si aspetterebbe più di 260 litri di spazio nel vano bagagli.
  • Lunotto: assieme ai massicci montanti, limita parecchio la visibilità posteriore. Ci vuole occhio in manovra.

SCHEDA TECNICA

I dati tecnici e le caratteristiche

MOTORI

Cambio automatico
Trazione anteriore
Coppia Massima 520 rpm

CONSUMI E EMISSIONI

Consumo urbano 16.8 - 18/100 km
Consumo extraurbano 12.8 - 13.5/100 km
Consumo medio 14.3 - 14.3/100 km

DIMENSIONI E MISURE

Tipo di carrozzeria Coupe
Lunghezza 4.910 / 4.920 mm
Passo 2.930 mm
Larghezza con specchietti 1.920 mm

NEWS

MODELLI

Parole di Fabio Psoroulas

Fabio Psoroulas è stato un redattore interno di Nanopress fino al 2019, occupandosi di tecnologia, sport, motori.

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.