La bici firmata BMW

E-bike e biciclette, i modelli a pedali delle case automobilistiche

E-bike e biciclette sono ormai entrate a far parte della mobilità sostenibile: ecco le caratteristiche i modelli principali di bici prodotti dalla case auto

La bici firmata BMW
La bici firmata BMW
Foto BMW

Le biciclette stanno acquisendo un ruolo sempre più importante. Ad accorgersene in primis anche le case automobilistiche pronte a griffare le due ruote elettriche e non per dare una spinta ai propri brand dal punto di vista della mobilità sostenibile. Alcune bici delle case auto erano già presenti sul mercato ancor prima del lockdown con un modesto successo in virtù di costi non proprio alla portata di tutti ma con componenti di qualità ed un tocco di tecnologia ciclistica a giustificare il prezzo. Il grande interesse attualmente è rivolto allee-bike a pedalata assistita, (in virtù dell‘incentivo statale) ma anche per le bici convenzionali che hanno listini più abbordabili rispetto alle prime le case automobilistiche non si sono lasciate scappare attenzione. Vediamo nel dettaglio quali sono le principali bici delle case automobilistiche.

Le biciclette a marchio Peugeot

Peugeot è da anni impegnata nella produzione di biciclette. La sua ultima linea è quella denominata “Legend” ispirate allo stile dei modelli mitici del marchio. Una collezione destinata alla famiglia con lo stile dei telai e l’intramontabile decorazione a scacchi bianca e nera ad evocare le leggendarie bici Peugeot costruite negli oltre 130 anni di storia del marchio. Lato e-Bike Peugeot ha invece lanciato nel 2019 i modelli da Trekking e da Strada con la compatta batteria Bosch 500 Wh PowerTube ad equipaggiare tutta la gamma dei modelli. La eT01 PowerTube ad esempio è una e-bike di alta gamma con batteria integrata, full suspension e trasmissione a catena. Una due ruote a pedali da 3.699 euro.

Dalle corse ai pedali, la storia di Alfa Romeo

Dopo il lockdown non poteva mancare FCA che ha una partnership da anni con la società Compagnia Ducale la quale produce biciclette legate ai quattro marchi automobilistici: Alfa Romeo, Fiat, 500 e Lancia. Le e-bike MTB Dolomiti Alfa Romeo montano una parte elettrica Bafang con una batteria da 500 Wh mentre il cambio è uno Shimano SLX a 12. Per quanto riguarda il costo si superano i 3 mila euro.

I modelli di bici a marchio BMW

Tra le bici delle case automobilistiche non potevano mancare quelle made in Germany. La mobilità alternativa firmata BMW passa da una serie di e-bike decisamente tecnologiche. La BMW Active Hybrid e-Bike ha il motore e la batteria integrati nel tubo obliquo. La BMW Urban Hybrid e-Bike ha il motore integrato nel mozzo della ruota posteriore e la tecnologia con sensore di passo assicurano un’esperienza di guida particolarmente dinamica. E la BMW Cruise Bike ha l’inconfondibile design ispirato alla tendenza Fixie e i componenti di alta qualità della BMW Cruise Bike.

Tiratura limitata per la bici Porsche

Si sale di livello con una e-bike made by Porsche. Si chiama eBike X+. Una mountain bike esclusiva che esce in soli 250 esemplari al prezzo di 9.911 euro. Una eMTB con componenti di alto livello. Dal cambio e freni Shimano fino al motore di Brose. Senza dimenticare che tutte le meccaniche sono griffate Swiss. Persino le gomme sono studiate nel minimo dettaglio: sono le Continental Mountain King Protection 29×2.3”. La parte elettrica invece è affidata al motore Brose Drive S, supportato da batteria da 648 Wh, alloggiata nel tubo obliquo e rimovibile. L’assistenza ha quattro livelli direttamente settabili dall’app per smartphone. La Porsche eBike X+ è disponibile in quattro taglie, S, M, L e XL, con peso di 22 kg.

Klement, l’e-bike firmata Skoda

Skoda ha la sua e-bike e si chiama Klement. Il motore integrato nel mozzo della ruota posteriore genera fino a 4 kW e accelera la e-bike fino a 45 km/h. Le due batterie al litio, ognuna con 52 celle, hanno una capacità totale di 1.250 Wh e assicurano un’autonomia massima di 62 km. Le batterie possono essere rimosse facilmente e ricaricate utilizzando una presa di corrente domestica; possono anche essere ricaricate in corsa grazie al sistema di recupero dell’energia in frenata. Con un peso di circa 25 kg, Klement è facile da maneggiare in ogni situazione.

La bici dei Quattro Anelli

La bicicletta elettrica dei Quattro Anelli si chiama Wörthersee. Caratterizzata da una linea minimalistica, oltre che da una sella telescopica estraibile dal telaio con LED di coda integrato, l’Audi e-bike Wörthersee presenta telaio e cerchi (questi ultimi a sei razze ad Y da 26 pollici dal peso di 600 grammi l’uno) realizzati in fibra di carbonio, materiale questo che ha permesso alla Casa di Ingolstadt di contenere le masse entro un totale di 21 kg. Cuore dell’Audi e-bike Wörthersee è un propulsore elettrico da 2,3 kW e 250 Nm alimentato da una batteria agli ioni di litio da 530 Wh, che, in abbinamento ad un cambio a nove velocità ad attuamento idraulico (esattamente come i freni), permette alla bici di Ingolstadt di raggiungere una velocità massima di 80 km/h.

La bici Aston Martin ispirata alla DB4

Il produttore francese Coolen ha realizzato un modello per Aston Martin, ispirandosi allacelebre DB4 della Casa inglese. Il colore è il tipico verde Aston Martin. La bici è in fibra di carbonio con una batteria elettrica nascosta da 562 Wh. Una ricarica completa richiede circa due ore e mezza e basta per più di 90 km. Il prezzo non è stato reso pubblico, ma il modello più simile del marchio parte da 5.990 euro.

Leggi anche: come trasportare la bici in auto, regole e consigli

Parole di Riccardo Mantica

Nell’editoria online dal 2001 quando scrivere per il web era una chimera. Pubblicista dal 2005, blogger per caso nel 2010, ha vissuto l’avvento del web 2.0 e dei social network condividendone gioie e dolori. Le passioni coltivate negli anni per sport, motori e tecnologia sfociano oggi anche nel panorama della mobilità sostenibile. Il motto preferito? Guardare sempre avanti senza dimenticare il passato. Stay tuned!

© 2005-2022 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.