Auto elettriche economiche

Auto elettriche economiche, le più convenienti sul mercato

Le auto elettriche economiche presenti sul mercato sono diverse: ecco quali sono le più convenienti e le loro caratteristiche

Auto elettriche economiche
Auto elettriche economiche
Foto Renault Twingo | Foto Credits Renault

Le auto elettriche economiche, soprattutto nell’ultimo anno, sono diventate una realtà tanto che molti automobilisti hanno deciso di convertirsi ai nuovi tipi di alimentazione sposando la causa green e cambiando radicalmente le proprie abitudini: niente più file dal benzinaio, ma solo davanti alle colonnine di ricarica per fare il pieno ecologico alla propria macchina elettrica. Se prima a frenare la diffusione di questo tipo di veicoli era soprattutto il prezzo, adesso anche le elettriche, pur mantenendo un prezzo più alto rispettivo alle alimentazioni tradizionali.  iniziano a rientrare nella categorie delle auto economiche. Una spinta è arrivata anche grazie all’Ecobonus che permette di risparmiare qualcosa in sede di acquisto grazie allo sconto per chi rottama un vecchio veicolo. Ma quali sono le auto elettriche economiche? Ecco una rapida guida alle più convenienti sul mercato.

Opel Corsa-e

Opel Corsa

Tra i grandi classici che hanno deciso di sposare l’alimentazione alternativa c’è anche Opel Corsa, vettura tedesca che si è convertita alle emissioni zero e che, nonostante il salto della barricata, rientra tra le auto elettriche economiche. Oltre alle versioni a benzina e a gasolio, ora c’è anche quella green che, al prezzo di 30.800 euro per l’entry level, promette fino a 330 km di autonomia con una sola ricarica e un’accelerazione nello 0-100 in 10,1 secondi. Un grande classico a marchio Opel, ma in salsa elettrica per rimanere al passo con i tempi e per conquistare una fetta sempre maggiore di automobilisti.

Nissan Leaf

Nissan Leaf

L’auto elettrica più venduta al mondo è anche tra le più economiche: Nissan Leaf, infatti, è equipaggiata con molti aiuti elettronici alla guida come il cruise control adattativo, che regola automaticamente la velocità in base al traffico, il sistema di mantenimento in corsia e l’e-Pedal che consente di recuperare energia utilizzando un solo pedale sia per accelerare che per frenare, ma nonostante questo consente agli automobilisti di non spendere un vero e proprio e capitale. Dotata di un’autonomia di circa 250 km fuori città, che possono diventare anche 350 nel traffico cittadino, e con una velocità massima di 144 km/h, la Nissan Leaf è offerta a partire da poco più di 31 mila euro, un prezzo che permette alla vettura giapponese di entrare nella classifica delle auto elettriche più economiche.

Fiat 500 elettrica

Foto Fiat 500 elettrica – Foto Fca

Guidare un mito non ha prezzo, specialmente se a emissioni zero. Tra le auto elettriche economiche, però, rientra di diritto anche la Fiat 500 elettrica, versione elettrica del mitico cinquino capace di emozionare intere generazioni di italiani. Nella versione “Action”, infatti, la Fiat 500 è acquistabile al prezzo di 26.500 con un propulsore da 95 Cv e un’autonomia di 185 km, il giusto per spostarsi comodamente in città senza avere l’ansia di rimanere a piedi. Numeri che fanno della 500 in versione green una delle auto elettriche economiche più convenienti sul mercato.

Renault Zoe

La Renault ZOE
Foto Renault

Tra le auto elettriche meno costose non ci sono solo vetture storiche in denominazione green, ma anche vere e propri modelli nati con vocazione elettrica pura: è il caso della Renault Zoe, lanciata nel 2013 e ancora oggi una delle più convenienti grazie a un prezzo di base di 25.900 euro nella versione da 110 Cv. Le prestazioni per l’auto francese, inoltre, non sono per niente male con una velocità massima di 135 km/h e un’autonomia dichiarata dalla casa transalpina che può arrivare fino a 300 km.

Smart EQ

Smart EQ – Foto Credits Daimler

La citycar più famosa al mondo è diventata elettrica. La Smart, infatti, può vantare una propulsione green che la rende una tra auto elettriche più economiche sul mercato: disponibile su richiesta un caricatore da 22 kW con funzione di ricarica rapida che permetterà di passare dal 10 all’80% in meno di 40 minuti, la vettura che ha fatto delle dimensioni contenute e della facilità di utilizzo i suoi punti di forza può vantare un’autonomia di circa 160 km con un prezzo che parte da 25mila euro.

Volkswagen e-UP!

Foto Volkswagen e-up! – Foto Credits Volkswagen

Un’altra delle auto elettriche economiche sul mercato è senza dubbio la Volkswagen e-UP! disponibile a partire da 23.350 euro. Dotata di un motore da 61 kW/83 Cv, la piccola tedesca raggiunge una velocità massima di 130 km/h accelerando da 0 a 100 km/h in 11,9 secondi con un’autonomia che arriva fino a 260 km. Discreti anche i tempi di ricarica: serve un’ora per arrivare all’80% della carica da una colonnina pubblica “rapida”, a corrente continua (la potenza massima accettata dall’auto è di 40 kW). Se, invece, si utilizza una wallbox da 7,2 kW servono 4 ore (sempre per arrivare all’80%), mentre ne sono necessarie 16 da una presa domestica da 2,3 kW (in questo caso, per raggiungere il 100%).

Seat Mii Electric

Seat Mii electric – Foto Credits Seat

Dimensioni compatte e forme ben definite: sono questi i punti di forza di Seat Mii, una tra le auto elettriche economiche, che al prezzo di 23.250 euro, garantisce un’autonomia di 260 km con un’accelerazione da 0 a 60 km/h in soli 3,9 secondi. Sopra questa velocità, però, l’auto tende un po’ a fermarsi, ragione per la quale i sorpassi potrebbero rappresentare un problema. Un’auto che fa della praticità, unita al prezzo, il suo punto di forza dimostrandosi perfetta per chi ha scelto l’ambiente urbano come suo habitat naturale.

Renault Twingo Z.E.

Renault Twingo Z.E. – Foto Credits Renault

Un grande classico rinato in versione green: questo è la Renault Twingo Z.E. che rientra a pieno diritto nella categoria delle auto elettriche economiche. Dotata di un motore R80 da 60 kW (82 cavalli), la Twingo in versione elettrica eroga una coppia massima di 160 Nm immediatamente disponibile. La macchina è silenziosa ma scattante e passa da 0 a 50 chilometri orari in 4 secondi e la velocità massima raggiunta è di 135 km/h, potendo così essere utilizzata ovunque, anche al di fuori del contesto cittadino, grazie anche all’autonomia di circa 180 km. Il tutto a partire da 21.487 euro, prezzo che permette a un classico come Twingo di rientrare tra le auto elettriche economiche presenti sul mercato.

Dacia Spring

Mercato auto elettriche_Dacia_spring
Dacia Spring – Foto Credits Renault Media

Il titolo di auto elettrica economica per eccellenza, però, spetta a Dacia Spring. Da sempre marchio che significa essenzialità, la nuova auto elettrica non si discosta dai suoi canoni sfoderando un prezzo di listino che parte da 19.900 euro per offrire un’autonomia fino a 305 km in città e un motore da 33 kW – pari a 44 Cv – con una batteria da 27,4 kWh. Praticità ed essenzialità sono le sue peculiarità, oltre al prezzo più basso per questo tipo di vetture: caratteristiche che la rendono la migliore tra le auto elettriche economiche presenti sul mercato.

Parole di Matteo Vana

Laureato in Editoria e Giornalismo, ha iniziato a muovere i primi passi con calcio e motori, due passioni delle quali ha fatto un lavoro. Pubblicista dal 2014, ama lo sport, i viaggi e i fumetti

© 2005-2022 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida è supplemento a DesignMag, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Roma n° 63 del 4 maggio 2022.